articoli precedenti archivio articoli recenti articoli successivi



La pandemia e la sofferenza mentale

Intervista a Marco Pinto di Tiziano Scarpa

Come reagiscono alla limitazione della libertà le persone che soffrono di disturbi mentali? E come interpretano dal loro punto di vista quello che sta accadendo? Il servizio pubblico come si è attrezzato per affrontare l’emergenza innescata dal Covid-19? L’ho chiesto a uno psichiatra e psicoterapeuta che lavora all’ospedale civile di Venezia.

pubblicato da t.scarpa
in emergenza di specie il 27 aprile 2020




I bug della DaD, urge riaprire la scuola!

Giulio Cederna

Come vivono i bambini e i ragazzi questo tempo a casa senza la scuola, senza gli amici, i giochi in cortile, le feste e lo sport? Giulio Cederna risponde molto bene a quest’ultima domanda e sollecita la riapertura delle scuole che in alcune zone del Paese sono veri e propri presidi territoriali contro la criminalità. [S.G.]

pubblicato da s.gaudino
in emergenza di specie il 25 aprile 2020




Almeno di nome

Samir Galal Mohamed

In queste settimane di reclusione, il cosiddetto distanziamento sociale può spingerci a riflettere con maggiore nettezza su cosa significa essere vicini, entrare in collisione con gli altri, presentarsi, fare conoscenza, rischiare un’amicizia, un’intimità, ritrarsi per paura di un dolore. La scrittura, mi pare, è il luogo in cui, con una comunicazione solitaria attuata dentro il medium che dovrebbe unirci, si medita sul fallimento relazionale. Le parole scritte battono dove i mancati abbracci fanno male. [T. S.]

pubblicato da t.scarpa
in terrestri il 23 aprile 2020




Riflessioni sulla morte: una lettura (o quasi) de “La morte di Ivan Il’ič”

Alessandra Mugnai

"Lev Tolstoj" (1973) di Ivan N. Kramskoj (dettaglio)

«In questi tempi così atipici la distanza, lo spazio che intercorre tra uomo e morte sembra – come se già non lo fosse (ahinoi) in tempi, per così dire, meno anormali di quelli che ci troviamo a vivere da qualche mese a questa parte – ridursi notevolmente, quasi accartocciandosi su se stesso.»

pubblicato da j.costantino
in libri il 22 aprile 2020




Una rispettosa risposta a Giorgio Agamben

Tiziano Scarpa

«Com’è potuto avvenire che un intero paese sia senza accorgersene eticamente e politicamente crollato di fronte a una malattia? [...] La soglia che separa l’umanità dalla barbarie è stata oltrepassata». Così scrive Agamben in un suo intervento di qualche giorno fa, intitolato Una domanda. Con immenso rispetto per lui e le sue opere, io penso invece che quel che stanno vivendo i cittadini italiani sia uno dei vertici della nostra civiltà.

pubblicato da t.scarpa
in emergenza di specie il 21 aprile 2020




Paura di specie

Antonella Moscati

La pandemia di covid-19 ha toccato qualcosa di profondo. Ci ha violentemente riportato alla nostra identità di specie, di una specie fra milioni di altre, che vive e muore, come tutte le altre specie, nel rapporto necessario con gli altri organismi viventi, o semiviventi come i virus, in quell’insieme in continuo movimento, caos o cosmos che sia, in cui ordine e disordine, leggi e casi si inseguono e si scambiano, si avvicendano nello spazio e nel tempo.

pubblicato da c.benedetti
in emergenza di specie il 21 aprile 2020




Giornata Mondiale della Terra: una questione di sopravvivenza

Serena Gaudino

Il 22 aprile ricorrerà la cinquantesima Giornata Mondiale della Terra. Il 22 aprile del 1970 ventidue milioni di cittadini americani scesero in piazza a difesa del pianeta. Il 22 aprile 2020 una gran parte dei cittadini del mondo, compresi molti dei ventidue milioni di americani che manifestarono nel 1970, saranno chiusi in casa.

pubblicato da s.gaudino
in emergenza di specie il 20 aprile 2020




Il pantarèi

Ezio Sinigaglia

A cura di Sergio Nelli.

pubblicato da s.nelli
in libri il 20 aprile 2020




Una foglia dalle discariche ucraine

Paul Celan (e Thomas Sparr)

Paul Celan, foto del passaporto

Per celebrare i i 50 anni dalla morte (20 aprile 1970) e i 100 dalla nascita (23 novembre 1920) di Paul Celan.

Traduzione e cura di Anna Ruchat.

pubblicato da j.costantino
in poesia il 20 aprile 2020




Ti andrebbe di scrivere quello che voglio io?

Tiziano Scarpa e Roberto Ferrucci

Il 27 febbraio, quando si discuteva se chiudere tutto o no per la pandemia in arrivo, sia a me che a Roberto è arrivata una proposta dai giornali. Ecco cosa è successo.

pubblicato da t.scarpa
in giornalismo e verità il 19 aprile 2020





Vivere a Milano al tempo della quarantena

Sergio Baratto

«Milano punita per la sua hybris. Come se Milano fosse tutta e soltanto quello specchietto sberluccicante per allodole della borghesia post-industriale che ci si raccontava, o per mestiere o per invidia, con disprezzo o vanagloria. Dire Milano punita per la sua hybris è fare retorica da quattro soldi.»

pubblicato da r.gerace
in condividere il rischio il 18 aprile 2020




DAL SOTTOVUOTO. Poesie assetate d’aria

Matteo Bianchi

Samuele Editore ha pubblicato in tempi rapidissimi un’antologia di poesie scritte durante la pandemia. Ecco alcune pagine dalla nota introduttiva del curatore.

pubblicato da t.scarpa
in emergenza di specie il 17 aprile 2020




Lo stuzzicadenti

Tiziano Scarpa

Una sequenza di versi pandemici.

pubblicato da t.scarpa
in terrestri il 15 aprile 2020




Cosa ci accade durante la reclusione da Covid-19? La parola agli esperti: i carcerati di lungo corso

Silvio Bernelli

Tre scrittori, due criminali, un innocente. Tre libri che raccontano l’esperienza dell’isolamento. E che nei giorni della quarantena da Covid-19 hanno qualcosa da insegnarci.

pubblicato da s.bernelli
in terrestri il 14 aprile 2020




Salire sul tetto ad aspettare la luna

Debora Petrina

«In queste ultime notti ho preso l’abitudine di salire sul tetto, ad aspettare la luna gigante che sorge. C’è voluta una pandemia per restituire al tetto tutto il suo valore».

pubblicato da t.scarpa
in terrestri il 14 aprile 2020




Pensieri notturni

Umberto Sebastiano

Quattro poesie pandemiche. «Immagino lo spettacolo di un mondo senza di me: | fiori, piume e mantelli. | Applaudo e mi faccio da parte».

pubblicato da t.scarpa
in poesia il 14 aprile 2020




Il vuoto di Pasqua

Tiziano Scarpa

Le chiese vuote durante la pandemia, la sospensione delle Messe, il papa che prega da solo in piazza san Pietro, la rinuncia al Resurrexit pasquale. E le trasmissioni televisive senza pubblico in studio, gli stadi vuoti, una mostra di arte concettuale di sessant’anni fa. Che rapporto c’è fra queste cose? E che cosa implica per gli artisti, gli scrittori e il modo in cui considerano le loro opere?

pubblicato da t.scarpa
in emergenza di specie il 12 aprile 2020




Plusvalore narrativo

Samir Galal Mohamed

Un uomo compra in rete un catalogo di foto poco prima della pandemia. Quando lo riceve a casa, ci trova scritta una dedica misteriosa. «Allora la dedica l’aveva stilata, quasi certamente, un’addetta all’imballaggio, al confezionamento del prodotto, insomma una dipendente qualunque del piacentino, cattolica, e fuori di senno.»

pubblicato da t.scarpa
in emergenza di specie il 12 aprile 2020




Dittico della luce e del buio

Tiziano Scarpa

Due nuove poesie pandemiche.

pubblicato da t.scarpa
in emergenza di specie il 12 aprile 2020




Prossemica

Tobia Wilson Iacconi Gabbriellini

Bollettino delle 18 della protezione civile _ Stampa i nuovi permessi ministeriali per uscire a comprare sigarette e preservativi _ Grande idea quella di segnare le tacche dei giorni di Q. sul muro alla maniera dei carcerati. Sei sicuramente l’unico a cui è venuta in mente. Bravo [emoji applauso] _

pubblicato da t.w.iacconi gabbriellini
in racconti il 11 aprile 2020



ARCHIVIO

a voce
annunci
appello pasolini
arte
BIBLIOTECA
cammina cammina
cammino a cuncordu
cinema
condividere il rischio
dal vivo
democrazia
emergenza di specie
FIAMMIFERI
freccia d’europa
giornalismo e verità
i fiammiferi
il cuore dell’italia
il dolore animale
il miracolo, il mistero e l’autorità
il mito dell’europa
il sogno dell’europa
IMPRESE
in teoria
LA NOSTRA STORIA
libri
locandina
musica
poesia
portfolio
qualità quantità
racconti
REDAZIONE
repubblica nomade
RIVISTA
scatola
scuola
stella d’italia
teatro
terrestri
testamento biologico
tribù d’italia

il primo primoamore

FRECCIA D'EUROPA
STELLA D'ITALIA
UN CAMMINO PER
ROMPERE L'INCANTESIMO

LA RIVISTA
COPERTINE
LA RIVISTA DI CARTA
DEL PRIMO AMORE


Absolute poetry
Andrea Tarabbia
Argo
Ateatro
Atti impuri
Bartleby
Blu
Comunità provvisorie
Direfarebaciare
Edizioni Effigie
Georgia
Giorgio Fontana
Il primo primoamore
La dimora del tempo sospeso
La poesia e lo spirito
Libera Università delle Donne
Marco Rossari
Nazione Indiana
Pagine corsare
Progetto Cuccagna
Rifrazioni
Stella d'Italia
Suq a Genova
Una Città
Vibrisse, bollettino
Zero Violenza Donne

WebMaster


articoli precedenti archivio articoli articoli successivi