Due squame di nebbia portatile

Tiziano Scarpa



Il respiro trabocca sotto l’orlo
della mia museruola sanitaria,
si sfiata ai lati del naso, sale,
mi appanna gli occhiali
sul lato interno delle lenti:
due squame di nebbia portatile
che rallenta l’irraggiarsi dei lampioni,
li fa arenare in aloni iridati.
Anche questo nonnulla
è un effetto della pandemia:
a un centimetro dalle mie pupille
ci sono smorti arcobaleni rotondi
nell’aria nera della sera.
Che cosa sto vedendo? Le cose
o il febbricitare del mio sguardo?
Che cosa sto vivendo? La vita
o il farneticare dei miei spasmi?

PNG


PNG

Volendo, si può leggere anche:

Chiudersi in casa

Poesia contro la pandemia

L’aprile più crudele

La webcam del Tsavo East National Park








pubblicato da t.scarpa nella rubrica emergenza di specie il 22 marzo 2020