arte

Il calendario di Beppe Bartolini

Per il mese di Maggio, un dipinto di Giuseppe Bartolini tratto dal calendario Persico.

pubblicato da c.benedetti il 5 maggio 2017


Il calendario di Beppe Bartolini

Per il mese di Aprile, un dipinto di Giuseppe Bartolini tratto dal calendario Persico.

pubblicato da c.benedetti il 5 aprile 2017


Il pittore che cadde nello spazio

Lunedì 27 marzo inaugura a Milano, presso la M77 Gallery, "Planetarium" di Flavio de Marco. In anteprima qualche dettaglio della mostra e i primi paragrafi del mio testo in catalogo.

pubblicato da j.costantino il 25 marzo 2017


Il calendario di Beppe Bartolini

Per tutto il 2017, ogni mese, un dipinto di Giuseppe Bartolini, tratto dal calendario Persico. Ecco Marzo.

pubblicato da c.benedetti il 5 marzo 2017


Il calendario di Beppe Bartolini

Per tutto il 2017, ogni mese, un dipinto di Giuseppe Bartolini, tratto dal calendario Persico. Ecco Febbraio.

pubblicato da c.benedetti il 6 febbraio 2017


Il calendario di Beppe Bartolini

Per tutto il 2017, a ogni inizio di mese, pubblicheremo un dipinto di Giuseppe Bartolini, uno degli artisti più grandi e più intensi del nostro tempo, di cui abbiamo già parlato più volte sul “Primo amore”, tratto dal calendario Persico. Ecco Gennaio.

pubblicato da c.benedetti il 14 gennaio 2017


I 500 anni (ben portati) dell’Orlando furioso: l’omaggio a Palazzo dei Diamanti

"Ariosto guarda al Cinquecento da lontano, dalla prospettiva straniante e irreale dell’epopea carolingia, ma per vederne interamente le macchie, le crepe, i collassi"

pubblicato da l.cristiano il 7 gennaio 2017


Un geco a Brera

Un brano del mio romanzo Il brevetto del geco è stato scelto dal direttore della Pinacoteca di Brera, James Bradburne, come didascalia di La cena in Emmaus di Caravaggio.

pubblicato da t.scarpa il 8 novembre 2016


Volere o essere voluti?

Anche nell’edizione italiana della rivista Flash Art la conversazione a partire da Il brevetto del geco.

pubblicato da t.scarpa il 5 settembre 2016


L’amore è lavarsi i denti mentre tuo marito sta seduto sul water

Il dipinto di una scena domestica fa il giro della rete e irrita un critico d’arte dall’altra parte del pianeta – L’eclissi dei dettagli nell’arte contemporanea – Rembrandt al bordello – Il magico potere di riordinare i mostri.

pubblicato da t.scarpa il 8 giugno 2016


Perché?

Perché Giuseppe Bartolini, un artista così concentrato e che ha raggiunto una simile intensità e maestria, è così tagliato fuori e ignorato dal mondo dell’arte contemporanea?

pubblicato da a.moresco il 14 aprile 2016


Alla scoperta delle periferie distrutte di Botto & Bruno

Essere in due. Vivere in due. Creare arte in due. Ecco il progetto (folle?) di Gianfranco Botto e Roberta Bruno, in arte Botto & Bruno: Society, you’re a crazy breed visitabile fino al 19 giugno 2016 alla Fondazione Merz, a Torino.

pubblicato da s.gaudino il 30 marzo 2016


Le facce dei potenti

Che volto ha il potere? Una mostra con i ritratti delle persone che comandano oggi.

pubblicato da t.scarpa il 28 marzo 2016


L’infinito secondo Mattotti

Mattotti/Infini: 300 opere di Lorenzo Mattotti in mostra a Landerneau in Bretagna.

pubblicato da j.costantino il 6 febbraio 2016


Le carni della pittura. Samorì e Moreni

Due mostre in corso di Nicola Samorì: "Gare du Sud" a Bologna e "La disciplina della carne" con Mattia Moreni a Rimini e Cotignola.

pubblicato da j.costantino il 3 gennaio 2016


Prodigi domestici

Apparizioni in posti inaspettati. Le immagini dell’autore della copertina di Il brevetto del geco.

pubblicato da t.scarpa il 3 gennaio 2016


VULVAVISIONE

Cos’è la vulvavisione?

pubblicato da j.costantino il 7 aprile 2015


Passi, copertine, icone

I lavori di Malica Worms, la grafica e designer che ha ridisegnato le copertine dei nuovi Fiammiferi. E che ha camminato con noi a Stella d’Italia e ideato il logo di Freccia d’Europa.

pubblicato da t.scarpa il 16 ottobre 2014


Gli occhi della guerra

Il mio primo premio personale al miglior padiglione della Biennale 2013. Che chiude domenica prossima, 24 novembre.

pubblicato da t.scarpa il 22 novembre 2013


Cristo impiccato

L’ultima opera di Maurizio Cattelan di cui, se non sbaglio, nessuno ha parlato.

pubblicato da t.scarpa il 30 ottobre 2013


Cattelan e la frivolezza dell’angoscia

Due anni prima delle riflessioni sul Cristo impiccato. Il cuore nero della realtà va verniciato di tinte scherzose?

pubblicato da t.scarpa il 30 ottobre 2013


La bellezza secondo Massimiliano Gioni

Ancora sulla Biennale d’arte di Venezia.

pubblicato da t.scarpa il 20 settembre 2013


Perec artista concettuale

Il “Tentativo di esaurimento di un luogo parigino”.

pubblicato da t.scarpa il 3 settembre 2013


Arte sacra alla Biennale

Qual è il vero padiglione della Santa Sede?

pubblicato da t.scarpa il 30 maggio 2013


Le vite enciclopediche di Gioni

Prima incursione alla 55. Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia. Appunti sulla bellissima, sorprendente e infida mostra curata da Massimiliano Gioni, “Il Palazzo Enciclopedico”, un equivalente iconopatico delle “Vite” di Vasari.

pubblicato da t.scarpa il 29 maggio 2013


Due bambine

Modigliani e Soutine.

pubblicato da j.costantino, s.baratto il 24 maggio 2013


Linee guida per gli spot pubblicitari

Quando uno spot pubblicitario che dura x secondi mostra nei primi (x-2) secondi immagini completamente prive di senso, negli ultimi due secondi comparirà un profumo.

Negli spot di marche automobilistiche non c’è mai traffico. Se sono presenti code, i SUV e le macchine di lusso vengono raffigurate mentre le altre auto si scansano al loro passaggio come il Mar Rosso al cospetto di Mosè, mentre le utilitarie vi sgusciano zigzagando come Speedy Gonzales che scappa a Gatto Silvestro

pubblicato da s.baratto il 15 settembre 2012


Un pittore a Milano

Volentieri segnalo ‘Interni’, la personale di Emanuele Gregolin (fino al 29 giugno alla Compagnia del Disegno di Via S.Maria Valle, 5 Milano)

pubblicato da a.amerio il 23 maggio 2012


Sulla Bellezza

Un’illustrazione di Carolina Ricciulli in esclusiva per Il Primo amore.

pubblicato da m.cerino il 15 maggio 2012


Massimo Giacon e i cosplayer a Milano

Alla galleria Antonio Colombo di Milano la nuova mostra di Massimo Giacon, At Work, At Home, At Play, una serie di disegni sui frequentatori in costume delle fiere del fumetto.

pubblicato da t.scarpa il 12 maggio 2012


Le rovine di Milano

Sono possibili diversi approcci a questo libro, importante e nel contempo agile, definito dall’autore “feuilleton critico” e composto all’indomani della vittoria con cui Giuliano Pisapia ha espugnato quella Milano divenuta, quasi vent’anni fa, roccaforte del berlusconismo.

pubblicato da t.lorini il 12 marzo 2012


Continuare a esordire. Richter alla Tate Modern

Togliendo gli occhiali, le immagini dipinte da Gerhard Richter fanno comunella con la mia miopia. Quell’effetto sfumato lo otteneva passando un pennello secco sulla pittura ancora fresca. Se rimetto gli occhiali, riesco a focalizzare le particelle della foschia, i filamenti primari che la sostanziano: distinguo l’indistinzione, ne divento consapevole.

pubblicato da t.scarpa il 15 dicembre 2011


La volontà delle immagini

Sabato scorso, sia “D” che “Io Donna”, i settimanali femminili di “Repubblica” e del “Corriere”, contenevano più di cento pubblicità. Quasi la metà raffiguravano volti o figure umane che guardano negli occhi chi legge. È stato il saggio I quadri che ci guardano di Martina Corgnati che mi ha spinto a fare un tale conteggio.

pubblicato da t.scarpa il 13 novembre 2011


Un pittore inattuale

Giuseppe Bartolini è un pittore di visione, un pittore di vocazione. Un pittore inattuale.

pubblicato da a.moresco il 11 novembre 2011


A chi appartiene l’arte contemporanea

Il Padiglione Italia alla Biennale di quest’anno. La mia esperienza.

pubblicato da t.scarpa il 28 maggio 2011


Appena gira il sole vado via

La mostra dedicata a Edward Hopper, a Palazzo Reale di Milano, ha il merito di liberare il pittore dall’immagine stereotipata. Non è colpa di Hopper se alcuni dei suoi quadri sono diventati materia di merchandising. L’esposizione evidenzia proprio gli aspetti meno conosciuti dell’opera del pittore: l’acquerello, l’incisione, e il legame tra i disegni preparatori ai dipinti.

pubblicato da t.scarpa il 8 novembre 2009


3 Words

La parola come soggetto artistico: è questo il tema della mostra a tre voci 3 Words, ospitata presso la galleria Emme Otto di Roma fino al 6 aprile. Tre gli artisti protagonisti: Nicola Di Caprio, Bartolomeo Migliore e Spider, che all’anagrafe fa Daniele Melani.

pubblicato da t.scarpa il 24 marzo 2009


Ho Ho Ho!

Ho Ho Ho, di Massimo Giacon.

pubblicato da t.scarpa il 23 dicembre 2008


Il pensiero a riposo

Perché le mostre di design attirano così tanto pubblico? Perché sono esperienze estetiche poco impegnative, e a differenza delle mostre di arte contemporanea non richiedono una tensione intellettuale esasperante.

pubblicato da t.scarpa il 16 aprile 2008


Diventeremo tutti guide turistiche

Mettete a confronto queste due immagini. Apparentemente le differenze sono molte.

pubblicato da t.scarpa il 14 marzo 2008


Sembra facile

Il titolo di questo incontro è Sembra Facile. Sembrare del resto è una peculiarità della fotografia. Facile perché l’accessibilità del mezzo fotografico pare ormai riconosciuta ma dovremmo chiederci se questa democratizzazione sia reale.

pubblicato da t.scarpa il 30 gennaio 2008


Merda Non Olet

Ancor oggi, a quarant’anni dalla sua creazione, la Merda d’artista di Piero Manzoni è per molti poco più che una boutade, una provocazione o addirittura una barzelletta.

pubblicato da t.scarpa il 9 giugno 2007


La delicatezza della devastazione

C’è sempre un punto di catastrofe, una vertigine riflessiva nelle opere di Bertozzi & Casoni: succede quando le loro opere raffigurano i piatti da tavola, le tazze e le tazzine, i piattini da caffè, le teiere.

pubblicato da t.scarpa il 6 giugno 2007


Figlioli miei, artisti immaginari

Che bella cosa, l’arte contemporanea. Sarà anche sciatta, cialtrona, schiava delle lobby, ma alla fine i suoi anticorpi riesce sempre a generarli da sé.

pubblicato da t.scarpa il 4 aprile 2007


Pontormo e Il libro mio

Oltre al carattere di brogliaccio vero, Il libro mio di Pontormo è unico anche per la materia della scrittura: cibo, evacuazioni, malattie, malesseri e accenni alla pittura soprattutto nella sua dimensione di fatica fisica.

pubblicato da s.nelli il 29 aprile 2006


Concentrazione totalitaria di un’idea di arte

Oggi i veri teorici dell’arte sono magnati e grandi collezionisti come François Pinault, nuovo gestore di Palazzo Grassi a Venezia. L’idea di arte che circola è influenzata pesantemente dalle loro operazioni. Ma nessuno solleva per loro il conflitto d’interesse.

pubblicato da c.benedetti il 29 aprile 2006


C’era due volte un quadro

Mi pare sia passato ingiustamente inosservato lo strano episodio che ha coinvolto Damien Hirst e il pittore berlinese Michael Luther, ognuno all’insaputa dell’altro.

pubblicato da t.scarpa il 25 aprile 2006


Sport batte Arte Contemporanea 4 a zero

Poco fa ho visto il telegiornale regionale del Veneto. C’era un servizio sulla mostra a Venezia di una collezione d’arte che Pontus Hulten ha donato a un museo di Stoccolma. Scorrevano le immagini delle opere, ma alcuni degli artisti che le avevano fatte non erano nemmeno nominati.

pubblicato da t.scarpa il 4 marzo 2006