Andrea Amerio

魔界村: il villaggio del mondo demoniaco

Dove in quattro cartelle si tratta di "Let’s play", il festival del videogame che apre oggi a Roma; di Metal Gear e di Coleridge; della pregevole isola di Malta e delle latomie siracusane; del Ministro dell’Istruzione Fedeli, di Gost’n Goblin e di Filòsseno di Citera, poeta vissuto tra il quattro e trecento A. C.; con una molto istruttiva parabola sul destino dei dottori di ricerca e la natura delle strutture preposte all’insegnamento. Pubblicato nel mese di marzo A. D. MMXVII.

pubblicato nella rubrica democrazia il 15 marzo 2017


Sette disegni di Arthur (dieci anni)
pubblicato nella rubrica scatola il 12 febbraio 2017


Highlanders a Briançon

Forma: Racconto. Genere: Azione, Fan fiction, 18+ Tempo di lettura: 9 minuti. Trama: Briançon, 2017. Prima di lanciarsi in una spietata caccia all’uomo, due Highlanders ricordano il loro capodanno di cent’anni fa.

pubblicato nella rubrica racconti il 24 gennaio 2017


Dylan Bob

Ovvietà da antologia tra cesso e cantina (con un quinto pensiero da spostare al tre).

pubblicato nella rubrica in teoria il 3 novembre 2016


Vittime allo stesso modo

Riflessioni dalla lettura di La tamburina, di John Le Carré.

pubblicato nella rubrica libri il 21 luglio 2016


Quadrato numero 38

Due giorni fa Luigia Ferro, di Gela, si è tolta la vita. L’hanno trovata impiccata a Desusino, una zona balneare fuori Butera. Il 19 giugno avrebbe compiuto 26 anni. Scriveva poesia. Eccone una, per dirle addio.

pubblicato nella rubrica poesia il 27 aprile 2016


“Celui qui poète”: Albert Samain

Un profilo e due poesie di un poeta piccolo, un minore, un minimo. Forse giustamente dimenticato, forse no.

pubblicato nella rubrica poesia il 25 aprile 2016


Kill Bill

23 aprile. Quattrocento anni fa moriva un tizio da allora molto vivo. Un pezzo esageratamente lungo per celebrare il più esagerato autore della letteratura mondiale. Buon anniversario, fiorellino.

pubblicato nella rubrica in teoria il 23 aprile 2016


Amores perros

22 aprile. Quattrocento anni fa moriva un tizio da allora molto vivo. Un pezzo esageratamente smilzo per celebrare il creatore del personaggio più smilzo della letteratura mondiale, senza citarlo. Buon anniversario, galgo.

pubblicato nella rubrica in teoria il 22 aprile 2016


L’amore secondo De Roberto

In un libro di recente pubblicato.

pubblicato nella rubrica libri il 3 giugno 2015


La grande guerra

Uno dei migliori libri sulla prima guerra mondiale che ho letto finora nell’anno del centenario è opera di un autore nato a Malta: è lungo sette metri e non c’è dentro nemmeno una parola.

pubblicato nella rubrica libri il 20 maggio 2015


Mircea Cartarescu a Torino

Oltre all’autore intervengono Marco Dotti, Bruno Mazzoni e io. Di seguito, una sua poesia.

pubblicato nella rubrica annunci il 13 maggio 2015


Barbaropa #5 (live)

Il 29 aprile alle 18 alla Libreria Trame di Via Goito, 3/C - Bologna, presentazione di La guerra d’Europa 1914-1918 raccontata dai poeti a cura di Andrea Amerio e Maria Pace Ottieri (Nottetempo).

pubblicato nella rubrica annunci il 28 aprile 2015


Tamburo

da "Il tamburo di latta", il finale del capitolo Fede Speranza Carità

pubblicato nella rubrica libri il 13 aprile 2015


"21 preghierine per una nuova vita"

Al Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci (Sala Biancamano - Via Olona 6, Milano) lettura dal vivo di Antonio Moresco nell’ambito della maratona poetica organizzata per poeti.com, la collana di poesia cartacea e in ebook di nottetempo edizioni.

pubblicato nella rubrica a voce il 14 novembre 2014


21 preghierine per una nuova vita

Con le Illustrazioni di Giuliano Della Casa. Edizione cartacea in tiratura limitata e autografata. In ebook con una videolettura dall’autore. Prossimamente, per le edizioni nottetempo.

pubblicato nella rubrica libri il 4 settembre 2014


Barbaropa #4

Di fronte alla mobilitazione degli "intellettuali" di Francia, Inghilterra e Russia, l’irlandese Yeats vince facile. Ma c’è la pattumiera del portoghese Pessoa...

pubblicato nella rubrica in teoria il 28 agosto 2014


Barbaropa #3

20 agosto 2014. Versicoli a margine della seduta straordinaria delle Commissioni Esteri e Difesa di Camera e Senato e delle dichiarazioni del deputato Emanuele Prataviera.

pubblicato nella rubrica dal vivo il 21 agosto 2014


Barbaropa #2

Il 2 agosto 1914 nel diario di Franz Kafka.

pubblicato nella rubrica dal vivo il 2 agosto 2014


“Barbaropa”

Cento anni fa, oggi, il fischio d’inizio d’un tragico match.

pubblicato nella rubrica in teoria il 1 agosto 2014


Persone importanti
pubblicato nella rubrica giornalismo e verità il 23 febbraio 2014


Guido Morselli vs. Roland Barthes

Nota a Guido Morselli "Una rivolta e altri scritti (1932-1966)", Bietti 2012.

pubblicato nella rubrica libri il 20 febbraio 2014


Maria, Sarah, Olga

Tre poesie da “Scuola di calore”, appena pubblicato da Effigie.

pubblicato nella rubrica poesia il 27 agosto 2013


Ricorrenze indigeste

Fenoglio a cinquant’anni dalla morte, riletto il 25 aprile.

pubblicato nella rubrica giornalismo e verità il 25 aprile 2013


Folli i miei passi

Brani da “La folle allure” (tr. it Maddalena Cavalleri, Edizioni Socrates / AnimaMundi Edizioni).

pubblicato nella rubrica libri il 18 aprile 2013


Verso Freccia d’Europa

All’inizio dell’estate che verrà ci metteremo di nuovo in cammino. Verso Strasburgo, verso il Parlamento Europeo. Questo fine settimana la redazione si è riunita a Pieve di Compito, a casa del nostro editore, per mettere a germinare idee e riflessioni intorno al senso e alle ragioni della nostra impresa. Di seguito alcune letture e appunti personali.

pubblicato nella rubrica freccia d’Europa il 15 aprile 2013


Pensione "da Beppe"

Lussuoso resort o la solita topaia zona stazione?

pubblicato nella rubrica democrazia il 30 marzo 2013


Stanza delle lacrime

Una pagina di quaderno

pubblicato nella rubrica il miracolo, il mistero e l’autorità il 15 marzo 2013


Giù la fionda, Davide

Ragguaglio sulla gilda delle librerie indipendenti, la loro crisi e i fenomeni ideologici che concorsero a determinarla. Contiene: 1. Prolusione allegorica, in cui si dice della libreria dell’inferno 2. Introduzione polemica, delirante e divagatoria, dove si predice il giornalismo futuro 3. Argomento del contendere 4. Coda teorica.

pubblicato nella rubrica giornalismo e verità il 6 febbraio 2013


Dalle frontiere

La lettera che il nuovo Sindaco di Lampedusa ha scritto all’Italia e all’Europa.  

pubblicato nella rubrica freccia d’Europa il 4 febbraio 2013


La poesia di Osvaldo Lamborghini

Ho tra le mani Il ritorno di Hartz e altre poesie, copia staffetta delle poesie di Osvaldo Lamborghini appena finite di stampare da Libri Scheiwiller, in libreria tra un paio di settimane.

pubblicato nella rubrica poesia il 21 gennaio 2013


L’informazione è potere

La notizia del suicidio del giovanissimo Aaron Swartz mi ha molto colpito perché credo sia, molto di più delle faraoniche esequie di Steve Jobs, la vera cifra del nostro tempo desolato.

pubblicato nella rubrica condividere il rischio il 17 gennaio 2013


Economia domestica

Dove sono stato tutto questo tempo? In esilio, ovvio. Dove? A Malta, uno sputazzo bollente nel Mediterraneo. Che cosa ho fatto? Ma quello che di solito fanno tutti gli umanisti esiliati nel cuore del Mediterraneo: studiare gli strumenti finanziari. Sì lo so, lo spettacolo è nauseante, ma bisogna farsi forza.

pubblicato nella rubrica emergenza di specie il 10 gennaio 2013


Betty Boop. Critica “en travesti”

Il discorso contro critici, pedanti, eruditi, teorici è un topos letterario antico e inesauribile, da Zoilo al manzoniano Don Ferrante, da Sainte-Beuve a Longanesi. Fra le molte diramazioni che ne costituiscono il frastagliato profilo, una conduce diritta al mito romantico dell’artista “per natura”, genio innato e in una qualche misura inconsapevole.

pubblicato nella rubrica in teoria il 15 settembre 2012


Le belle statuine

Respinta l’idea di erigere un monumento a George Orwell di fronte alla nuova sede della BBC. La ragione? “Too Left-Wing”. “Troppo di sinistra”.

pubblicato nella rubrica democrazia il 24 agosto 2012


Stella d’Italia a Leuca

Ieri con la partenza del braccio sud est Stella d’Italia viaggia quasi a pieno regime.

pubblicato nella rubrica stella d’Italia il 3 giugno 2012


Un pittore a Milano

Volentieri segnalo ‘Interni’, la personale di Emanuele Gregolin (fino al 29 giugno alla Compagnia del Disegno di Via S.Maria Valle, 5 Milano)

pubblicato nella rubrica arte il 23 maggio 2012


Bach

Ho ascoltato una volta ancora la toccata e fuga in re minore di Bach e mi ha fatto questa impressione: Bach descrive l’universo. Noi sappiamo com’è l’universo oggi, e forse Bach quando l’ha scritto non pensava all’universo, pensava a Dio

pubblicato nella rubrica musica il 16 aprile 2012


Ingenui

Spiace parlar male dei morti ma ci sono persone davvero goffamente incapaci di immaginare come sarà il futuro.

pubblicato nella rubrica emergenza di specie il 11 aprile 2012


“Cose che furono altre si disfano nell’argento della notte”

Editori nuovi per la poesia di Jorge Boccanera “Chi desidera sapere le trasformazioni della pioggia in atto sulla terra, venga a vivere sul mio tetto, tra i segni e i presagi”. Saint-John Perse

pubblicato nella rubrica libri il 12 marzo 2012


Lezione di gola

Siediti. Mangia. Sono polpette. Lo scrivere, dopo. Sono troppe? Sono solo abbondanti. Sì, polpette fritte. Cosa dici? che ti restano poi sullo stomaco per tutto il giorno? Beh, certo, ci vuole il tempo necessario anche per digerire. Siamo esseri umani. Intanto assaggiale.

pubblicato nella rubrica libri il 6 marzo 2012


Libri contro

Medhi Balhaij Kacem, trentottenne franco tunisino pressoché sconosciuto e inedito in Italia benché vanti una già lunga carriera alle spalle (giovanissimo, nel 1994 pubblicò il romanzo Cancro), ha scritto un genere di libro che, pur molto frequentato, non gode di uno status autonomo e riconosciuto neppure nella tollerante Repubblica dello Stato Libero di Saggistica: il “libro contro”.

pubblicato nella rubrica libri il 3 febbraio 2012


Gli antisemiti che soffrono di convulsioni se le tengano

Oggi 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, ricorre la Giornata Internazionale della Memoria

pubblicato nella rubrica il dolore animale il 27 gennaio 2012


Christopher Hitchens, un ricordo

Una vignetta, due personaggi, alla Altan.

“Hai visto? Hitchens ha provato il waterboarding e ha cambiato idea. È tortura”.

“Perché non hanno usato il gin!”

pubblicato nella rubrica libri il 16 dicembre 2011


Linciati

Quello di Torino non è stato un corteo razzista: alle Vallette marciava anche un dirigente locale del PD.

pubblicato nella rubrica emergenza di specie il 13 dicembre 2011


Malaparte del torto (e messicano)

Come forse saprà il lettore più informato, il prossimo numero cartaceo di “Il primo amore” in uscita a dicembre avrà per titolo L’adorazione e costituirà l’ideale continuazione di Opere di Genio. Avevo deciso di parlare dell’opera di un autore italiano e a lungo ho tentennato. Alla fine ho scelto Ad ora incerta, di Levi.

pubblicato nella rubrica libri il 14 novembre 2011


And Agammenon dead

Il 2 novembre scopro da un articolo di Franco Buffoni che lo scorso 27 ottobre, all’età di 85 anni Allen Mandelbaum è morto. Provo a scrivere di getto un breve pezzo direttamente nella finestrina dei post del Primo Amore, ma il testo si perde nella trappola vecchio sito. Meglio così, penso.

pubblicato nella rubrica poesia il 11 novembre 2011


Storia fra una farfalla e un computer

La prima voce dice quanto sei bello.
il mio uomo era seduto davanti allo schermo.
Dice la prima farfalla quanto sei bello.
La seconda voce dice quanto sei buono.
seduto davanti al computer sta l’uomo di gesso.
Dice la seconda farfalla quanto sei buono.
La terza voce è lieve è un poco adirata
la terza voce mormora quanto ti amo.
seduto davanti al computer
l’uomo di gesso chiede notizie sulla luna.

pubblicato nella rubrica poesia il 6 ottobre 2011


Che bello che questo tempo

Che bello che questo tempo
è come tutti gli altri tempi,
che io scrivo poesie
come sempre sono state scritte,
che questa gatta davanti a me si sta lavando
e scorre il suo tempo

pubblicato nella rubrica poesia il 22 settembre 2011


Taccuino

Accusés Flaubert, Baudelaire, levez-vous!, di Emmanuel Pierrat (e altre letture estive)

pubblicato nella rubrica libri il 31 agosto 2011


Per filo e per sogno

Quattro istantanee per (non) concludere il Cammina cammina

pubblicato nella rubrica racconti il 18 luglio 2011


Le chiappe del libro

Pericolo tatuatori

pubblicato nella rubrica giornalismo e verità il 18 giugno 2011


Il caso di Rolando Alberti, pastore

Un poeta fuori dal mondo

pubblicato nella rubrica poesia il 14 giugno 2011


I piedi per terra. Ganzo journalism.

Cammina Cammina è arrivato in Toscana

pubblicato nella rubrica racconti il 8 giugno 2011


La foresta di Arden

Appunto al volo prima della partenza

pubblicato nella rubrica cammina cammina il 2 giugno 2011


I cani romantici

nella traduzione di Massimo Rizzante

pubblicato nella rubrica poesia il 27 maggio 2011


Quanto spera di campare Giovanni

Mettere su una casa
Alla sua età – quanto spera di campare Giovanni
Ti sei domandato:
E io che non ho osato
Replicare alcunché

pubblicato nella rubrica poesia il 25 maggio 2011


Patroni a casa nostra

Sul nuovo libro di Tiziano Colombi, che si sta facendo il mazzo per il Cammina Cammina (- 3 giorni)

pubblicato nella rubrica annunci il 17 maggio 2011


Spot

per un buon libro

pubblicato nella rubrica libri il 4 maggio 2011


Africa rosso sangue

Una facile profezia su Nigeria e Costa d’Avorio. Perché a volte per vedere occorre distogliere lo sguardo.

pubblicato nella rubrica giornalismo e verità il 31 marzo 2011


Dal set di Guerre Stellari una disperata richiesta di aiuto

Ma la fantascienza è qui

pubblicato nella rubrica giornalismo e verità il 25 marzo 2011


Urge

Da questa sera al teatro Elfo di Milano. Fino al 20 marzo.

pubblicato nella rubrica teatro il 15 marzo 2011


Dopo la festa della donna

Un banalissimo Prevért

pubblicato nella rubrica poesia il 14 marzo 2011


La timidezza del Kamikaze

Da: "Lettere al padre", "Home is where it hurts" e "Non si dovrebbero più scrivere poesie d’amore".

pubblicato nella rubrica poesia il 29 dicembre 2010


Il nuovo futurismo

Non ancora sedimentati i clamori centenari, già c’è chi s’ostina a tirar su altra polvere: così, tra chi con gesto smargiasso rossopigmentava la fontana di Trevi, e chi avrebbe voluto negare ai finiani il prestigioso appellativo (’atrovateve ’n artro nome’), l’inossidabile futurismo rispunta nelle cronache italiane, beatamente indifferenti di quanto Piergiorgio Bellocchio ebbe a scrivere sulle pagine della rivista "Diario" (ora in edizione anastatica per Quodlibet): "in un mondo sempre più simile a un’immane pattumeria, i cultori di Marinetti sono destinati a crescere".

pubblicato nella rubrica giornalismo e verità il 24 dicembre 2010


Rousseau e il commercialista

Visto che fa ancora caldo aspettando la 27 mi lascio cadere su una panchina sotto gli alberi della strada e passo una mezz’ora di totale ansia. Penso che la storia è stata avara di momenti di vera illuminazione. Archimede nella vasca, Paolo sulla via di Damasco, Newton sotto il melo. E Jean-Jacques Rousseau, naturalmente, "il Newton del mondo morale", cui l’illuminazione arriva un afoso pomeriggio d’estate del 1749. E il merito è di una rivista.

pubblicato nella rubrica giornalismo e verità il 4 ottobre 2010


Kerouac

Dappirima c’era un giovanotto seduto davanti al televisore in canottiera a bere birra con sua madre. Poi coll’andar del tempo questo giovanotto è diventato un uomo maturo in canottiera che beveva birra davanti al televisore in compagnia di sua madre.

pubblicato nella rubrica musica il 22 settembre 2010


La guerra di Topolò e altre divagazioni mantovane

Giovedì alle 18 tornando dall’ufficio vedo Marco Belpoliti che entra al freezer di via Sismondi. Guardo la locandina affissa e scopro che proiettano Senza scrittori, il documentario sull’editoria prodotto dalla Rai che tanto ha fatto discutere e pochi hanno visto (si auspica vada quanto prima in palinsesto, magari non a notte fonda, magari non sul satellite).

pubblicato nella rubrica qualità quantità il 21 settembre 2010


"Le poesie devono restare ferme"

Come farò a parlarvi di questo poeta nato nel 1938 che mi piace tanto? Infilerò i dati surrettiziamente, Carlo Bordini lo citerò per inciso, quasi per caso? Vi parlerò della struttura dei suoi versi, vi dirò che ha raccolto tutte (o quasi) le sue poesie (1975-2010) per i tipi di Luca Sossella sotto il titolo I costruttori di vulcani? Lo intervisterò? No, lo hanno già fatto, e bene.

pubblicato nella rubrica poesia il 16 settembre 2010


Ballo sull’Erba

L’estate 2010 ha portato via con sé due poeti storici del novecento italiano, legati entrambi al capoluogo lombardo.

pubblicato nella rubrica poesia il 9 settembre 2010


Sul tragico

Lapo, i’vorrei che tu Marrazzo ed io
fossimo presi per incantamento
e messi su uno yacht; e però che il vento
non portasse via la coca dal piatto mio;

pubblicato nella rubrica democrazia il 11 agosto 2010


Il culto delle star, dei morti e di Don DeLillo

Un lungo pezzo dedicato a DeLillo dal nuovo quasi blog di Francesco Guglieri: L’Eugenio (Letteratura e compagnia danzante). Ne esiste anche una versione tascabile assolutamente da vedere: ritratto ironico e malinconico del critico come uomo di gusto, repertorio "intimo" di giustapposizioni, rarità e mirabilia. Un esempio di cosa fare della rete quando si posside un raffinato talento critico privo di narcisismo. (a.a.)

pubblicato nella rubrica musica il 13 luglio 2010


De minimis curat…

L’opera e la figura di Antonia Pozzi negli ultimi anni hanno conosciuto una forte riscoperta editoriale, ma non solo.

pubblicato nella rubrica giornalismo e verità il 24 giugno 2010


Gioco di prestigio

Ma la natura più di me non può,
nè son di ferro le leggi che mi reggono.
Dentro di me si fondono le arti
che in nuovi segni ti si fanno intorno:

pubblicato nella rubrica poesia il 20 giugno 2010


Lottizzare la rete #4 - Una conferma inattesa

Siccome le vie dell’informazione, come quelle del Signore, sono infinite, mentre scrivevo il pezzo mi è capitato di ospitare a casa un laureando in giornalismo dell’università di Perugia venuto a Milano per godersi la gloriosa finale di Champions dell’Inter. Prima di partire alla volta dello stadio nella notte di clacson e bandiere per festeggiare a suon di birra e mortaretti, facciamo due parole.

pubblicato nella rubrica giornalismo e verità il 16 giugno 2010


Lottizzare la rete #3 - Calcio, calcio, fortissimamente calcio

Il riconoscimento e tutela giuridica della nostra professione è il primo punto su cui lotteremo nei prossimi mesi. È giunto il momento che in questo Paese ci si accorga dell’industria on-line e del suo impatto economico sul mercato del giornalismo. Abbiamo scelto il web perché è il presente e il futuro, adesso puntiamo ad ottenere gli stessi diritti dei nostri "cugini" della carta e della tv.

pubblicato nella rubrica giornalismo e verità il 16 giugno 2010


Lottizzare la rete #2 - A porta vuota

Su di giri come Volonté nei panni di Enrico Mattei, una superfetazione di anarchici impazziti fiutano miele. Mosconi che s’ostinano a ronzare. Come tirarli giù senza disturbare il traffico aereo?

pubblicato nella rubrica giornalismo e verità il 15 giugno 2010


Lottizzare la rete #1 - Editoria criminale

Chiude la storica «Rivista dei libri», e ho l’impressione che non se la passino troppo bene neppure «L’indice», «Pulp», «il caffè letterario», «Nuova prosa», «Poesia», «Linea d’ombra», «Stilos», «Nuovi Argomenti» e tante altre riviste che hanno scelto di lavorare sulla cultura. Ma intanto ci sono altre imprese editoriali versate su ben altri fronti che fanno affari d’oro, settori che pompano di brutto, consumando risorse secondo la logica della lottizzazione criminale.

pubblicato nella rubrica giornalismo e verità il 15 giugno 2010


E così tutto vacilla #3

Come apparirebbe, ad esempio, l’Italia a questo tipo di sguardo ravvicinato? Un paese pieno di potenzialità umane, cose inaspettate, risorse. Ma anche un paese gracile, immaturo, irresponsabile, superficiale, conformista, a volte cialtrone, uscito da una tirannide e poi pilotato a colpi di assassinii, di trame occulte, di stragi all’interno di un gioco più grande.

pubblicato nella rubrica libri il 21 aprile 2010


E così tutto vacilla #2

Di che "genere" è questo libro? Di che genere è un diario? Sembrerebbe una domanda inutile e oziosa ma purtroppo non lo è in questi anni, in cui domina una grande paura e un altrettanto grande bisogno di difendersi dalla forza della vita e anche da quella della parola, e in cui l’unica preoccupazione sembra essere quella di separare gli uomini dalla propria vita e dalla propria esperienza, vista ormai come inattingibile e aliena.

pubblicato nella rubrica libri il 20 aprile 2010


E così tutto vacilla #1

Il libro che avete tra le mani è il diario scritto dall’ebreo tedesco Victor Klemperer durante un anno cruciale – il 1945 – per la storia della Germania e del mondo. Fa parte di uno sterminato diario (circa cinquemila pagine, uno dei più grandi diari mai scritti) che l’autore ha tenuto per cinquant’anni e che, nascosto presso un’amica nel periodo della più dura persecuzione antiebraica e della guerra, è miracolosamente scampato al disastro.

pubblicato nella rubrica libri il 19 aprile 2010