Nuvole

Mariella Bettarini



nere nuvole come tumori
come bianco pane di Spagna
nuvole
latte e miele
nuvole rubacuori
nuvole principesche e nuvole
contadine
voi nuvole
codine e fresche
nuvole grandi ladri
e grandiose finestre
nuvole gialle
e nuvole cavalle
nuvole tonde
voi voi nubi monde
nuvole meste
nubi vaganti
nuvole costanti
nuvole nodo
e nubi con il chiodo
col chiodo nella testa
nuvolosa protesta
nubilosa risacca
quello che il mare attacca

*

compagne mie stupefatte nuvole
quando tartaruga io
male pervengo alla levità vostra
alla vostra
perennità
su alto cielo
veleggia
molto veleggia
sempre a lungo veleggia
poi
carapace riflette pace cara mentre quiete
si formano nuvole
hanno musi di topo
di gatto di coniglio
cingono code di cinghiale di viva
volpe d’amoroso fringuello
han leporini labbri di cammello e gobbe
da dromedario
belano ragliano
(gelano) lungamente muggiscono
nitriscono quagliano
zoomorfe nuvole
(amore della Terra)
levitanti ciprigne uselline di serra

passate nubi sopra il mio sonno
lo conoscete (voi) più d’un lesto smeraldo

in assenza di me (in fonda assenza)
date fiato e colore a questo guscio
di fantasima
mallevadrici
del duro sogno
alunne
d’un’alunna degenere

siete i miei Mana
buoni
emanazioni del roditore
(ghiro talpa scoiattolo) mammifero
da noci

se ascolto quelle voci
non dormo sorelle nuvole
se ascolto
la scintillazione di me
passaggio che fate tutte le notti
che ne trema la pancia sin nella pancia
di mia madre
ché presto ti conobbi
ed ebbi sentimento di te
nuvola bella
maliosa calendula
navigante libellula
ti libravi
aprivo (io) i miei libri
più matti
a me i sorrisi tuoi primi
regalavi

*

ed ora che vi prende
cirri
cumuli
nembi
alte sottili
pesanti lamentose
vedove (spose)
fidanzate filanti?
non io – io no che conservo la manna
nelle scarpe e la notte la mangio
benedetta da voi che fate piovere manna
dal cielo e foglie sulle mandrie
e benedetta dalla terra
quando questa se ne riveste e va cercandovi
per terre e mari e voi un poco costate
scostate le tende e fate capolino
vi celate (celiate) con l’amante
a lungo il gioco avanza
poi
stanchi tutti (stanche voi)
a nanna ce ne andiamo
assaporiamo
il lungo sonno

*

fuggitive nuvole
radenti nuvole ridenti
elefantesse-zebre nuvole
nuvole-caramelle
zelinde nuvole
Dafne (o Clizia) v’insegue
nuvole museruole
dietro grate v’insegue
e san Gennaro vi protegga la vista

*

disperatamente amanti
nuvole che amate voi
la concupiscente lezione
che non esiste più né omicida
né vittima: solo perennità
nella passione
mie maestre
vi amo
mie conseguenti
consanguinee nocchiere
or sparite or presenti
guide senza potere
ombre ed essenze
maestose potenze fragili
o voi agili spose
ombre alte di cose

da Delle nuvole (1986-1988)








pubblicato da s.nelli nella rubrica poesia il 6 marzo 2006