La bellezza incoronata

Tomaso Kemeny



I sogni dei morti
ad Auschwitz-Birkenau
Buchenwald e Treblinka
sono bianchi come il latte che scorre
dal grembo della Terra Promessa;
e una lacrima di miele
non basta per sfumare
il capolinea dei lavori forzati
per milioni di corpi
resi alla cenere e alla calce viva;
e non basta suonare
le campane di bronzo
di contrizione e di pentimento;
né basta scalare le nuvole
delle buone intenzioni
per riscattare le anime
di ebrei, rom e omosessuali
calpestati dall’acciaio degli stivali.

È giunto il giorno
per svecchiare le vene corrotte del mondo
con la fratellanza vera, alfine.

È giunto il tempo
promesso a Dachau
da un giovane allievo rabbino
per tracciare sentieri
che portino a incoronare
la Bellezza a Regina Universale
all’altezza dei sogni bianchi
dei morti ad Auschwitz-Birkenau
Buchenwald e Treblinka,
sogni bianchi come solo il latte
che scorrerà alfine
nella Terra a tutti promessa
da un giovane allievo rabbino
a Dachau.








pubblicato da g.giovannetti nella rubrica poesia il 27 gennaio 2010