"Duetto" a Roma





Testo di Antonio Moresco
Adattamento e regia: Chiara Condrò , Elisa Turco Liveri
Con: Chiara Condrò, Elisa Turco Liveri
Installazioni video: Salvatore Insana
Disegno luci: Giovanna Bellini
Fonico: Marco De Tommasi

7-17 marzo 2013
ore 21.00 – domenica ore 18.00
Atelier Meta-Teatro, via Natale Del Grande 21, Roma
info 3408578140 - 3356112488

***

«Duetto inscena il dialogo immaginario tra Maria Callas e la leggendaria tenia che il soprano avrebbe ingerito al fine di dimagrire. Crescendo nelle sue viscere il verme impara a cantare, diventa un contrappunto, una sfumatura nera che rende la sua voce inimitabile.

Corpo a corpo di voce e nervi, in profondità, tra le viscere della donna, lotta tra luce e ombra, tra l’armonia e la sua virale contropartita, tra regola ed evasione.

È la parte nascosta, quella maledetta, a creare l’effetto dirompente, fino a raggiunta simbiosi. La voce e il suo doppio si nutrono di un’intensità tutta interiore, un canto dentro l’altro fatto di strappi violenti e abbandoni estremi. A poco a poco non si può più far a meno del proprio carnefice. Desideri che chi ti divori completi la sua opera.

Il duello non è solo vocale, ma si estende anche al rapporto patologico della Callas con il canone estetico dominante: il dissidio tra l’immagine di se stessa e l’idea di perfezione che la mondanità richiede è l’eterna condanna a cui tutte le donne sono sottoposte. Nelle stanze d’albergo, tra spartiti e prove notturne, tra il profumo dei fiori degli ammiratori, la Callas dialoga con il suo doppio, fino a torturarsi.

Ma cosa importa la bella voce quando c’è la Voce?»








pubblicato da a.moresco nella rubrica annunci il 5 marzo 2013