Fino a dove si può arrivare

Andrea Tarabbia



Non voglio dire molto perchè ho appena scoperto la cosa di cui sto parlando, e non riesco a fare un’analisi lucida; mi limito a dire che mai avrei immaginato che un essere umano potesse arrivare a tanto. Secondo Vittorio Feltri, la colpa di quanto è successo l’altro giorno sull’isoletta norvegese di Utoya sarebbe (anche) dei ragazzi, delle vittime, in quanto incapaci di reagire poiché malati di egoismo ed egotismo. Si tratta di un articolo tremendo, vergognoso, falso e unto fino al midollo, e che però merita di essere letto fino in fondo per comprendere fin dove, se vuole, un essere umano al suo peggio si può spingere.

L’articolo, preceduto da una nota di Massimo Malerba che invito a leggere, si trova qui.








pubblicato da a.tarabbia nella rubrica giornalismo e verità il 25 luglio 2011