Perché almeno 333.333 napoletani leggono libri?

Serena Gaudino



Napoli, 15 dicembre 2012, ore 16,30
Sala convegni Palazzo delle Arti, via Dei Mille 60

Negli ultimi anni i governi hanno tagliato drasticamente il finanziamento alla formazione, alla scuola, alla cultura, intervenendo pesantemente sulla formazione delle future classi dirigenti. Oggi, la situazione si è fatta insostenibile. Senza una politica di recupero di quest’area il futuro sarà sempre più complesso e sempre più affidato a entità immateriali esterne che nessuno potrà mai più governare. Ma nonostante le richieste che arrivano da più parti, nonostante le manifestazioni organizzate a sostegno di biblioteche, scuola e università, pare che nulla cambi. Che il processo di riduzione e ridimensionamento prosegua. Per questo, l’Associazione Forum del Libro, una piccola associazione di editori, librai, bibliotecari, intellettuali, insegnanti, sta cercando di smuovere e convogliare l’attenzione pubblica sull’esigenza, improrogabile, di individuare regole certe e chiare che diventino una legge di iniziativa popolare da presentare in parlamento (www.legge-rete.net). E per fare questo, in varie città italiane chiede la discussione di uno dei temi portanti della legge: dopo gli incontri di Milano (La proprietà intellettuale è un furto?) e Orvieto (Con la cultura… si mangia?) A Napoli, il prossimo 15 dicembre si discuterà del perché, nonostante le tante distrazioni, nonostante i tagli al settore da parte delle Istituzioni, nonostante le sempre più scarse risorse della scuola e la ormai velocissima diffusione dei supporti elettronici, esistano ancora circa 333.333 napoletani che leggono libri (Convegno_Napoli_Forum)? Chi sono? Dove sono? Intellettuali, giovani? Donne? Anziani? Chi legge ancora libri in questo momento così complesso e critico? I 333.333 napoletani che leggono esistono davvero, non sono un numero a caso. Forse sono anche di più. Nonostante si dica che al Sud si legge poco e che i numeri diminuiscono giornalmente. Lo dice l’ultimo censimento dell’Istat: in Campania il 29.8% dei cittadini legge almeno un libro all’anno.
Partendo da qui, e supponendo che nelle aree metropolitane la percentuale cresce sempre, generalmente di 7/8 punti in percentuale, ecco che si può affermare (con relativa sicurezza) che il 37/38% dei napoletani leggono libri. Con un dato così, si resta stupefatti! Ma allora dove sta la verità? Chi e come si attirano i distrattissimi cittadini nell’orbita del pianeta libro? Chi è che li aiuta, li guida, li coinvolge in azioni di formazione culturale parallela alle agenzie istituzionalizzate?
Le Istituzioni? Il volontariato? Quante associazioni, organizzazioni, fondazioni che non conosciamo lavorano su questi temi? E le librerie, gli editori, gli scrittori, i professori, che ruolo sono riusciti a ritagliarsi in questa Napoli così complessa? Fino a ora tutti gli interventi di promozione del libro e della lettura sono stati sostenuti a singhiozzo, con qualche felice intuizione ma poi immancabilmente affondati o non più sostenuti. Cosa può cambiare? Da dove ripartire per riaprire la strada alla crescita culturale sociale e civile della città? Alla domanda risponderanno alcuni tra i protagonisti della vita culturale napoletana tra cui:
Marco Rossi Doria, Sottosegretario all’istruzione
Raffaele De Magistris, Bibliotecario
Antonella Di Nocera, Assessore alla cultura Comune di Napoli
Gabriele Frasca, Presidente Fondazione Premio Napoli
Mauro Giancaspro Direttore Biblioteca Nazionale e Biblioteca dei Girolamini
Diego Guida, Editore e libraio
Franco Liguori, Editore
Massimiliano Marotta, Istituto Italiano Studi Filosofici
Luigi Morra, Librerie Feltrinelli
Matteo Palumbo, Docente Università Federico II
Silvio Perrella, Critico Letterario
Paolo Pisanti, Libraio
Fabrizio Valletti, Direttore del Centro Hurtado di Scampia
Con un intervento di Giuseppe Laterza dell’Associazione Forum del Libro.
Modera Serena Gaudino, Associazione Forum del Libro. A raccontare le loro
pratiche di promozione della lettura inoltre interverranno:
Luca Rossomando, Napoli Monitor
Marinella Pomarici, Associazione A voce Alta
Giovanni Petrone, Cooperativa Le Nuvole
Maria Laura Vanorio e Brunella Basso, Progetto “La pagina che non c’era”
Piero Sorrentino, Un’ Altra Galassia.

S.G.

Kataweb.it - Blog - LETTERATITUDINE di Massimo Maugeri » Blog Archive » Osservatorio LitBlog n. 11








pubblicato da s.gaudino nella rubrica locandina il 9 dicembre 2012