Il vitello d’oro





«È la resa al vitello d’oro, è la sua adorazione che ci ha portato al punto in cui siamo. Tutta la vita umana e le sue strutture, fisiche e mentali, personali e sociali, hanno di fronte a sé in questa epoca -come loro primo e ultimo idolo- un vitello di fango che luccica come un vitello d’oro.
Nel passato la rottura nei confronti del dominio totalitario esistente (religioso o secolare), che additava orizzonti e fini ultraterreni oppure altri paradisi sociali più a portata di mano per perpetuare se stesso e depistare le forze fisiche e mentali dei sudditi, si è espressa spesso come difesa materialistica della contingenza della vita, della sua creaturalità e materialità, del qui ed ora, della gioia della carne e dei sensi, degli aspetti e degli appetiti “bassi”, del vitello d’oro, persino, in qualche caso.
Ma oggi, che il dominio pervasivo sul mondo si è innervato proprio su tutto questo, è diventato un tutt’uno con tutto questo e con la sua gestione orizzontale pilotata e svuotata, rivendicare solo questo aspetto significa non capire che cosa è successo, come si tengono in scacco oggi i corpi e le menti durante la loro breve vita, non essere più in grado di esprimere ribellione e oltrepassamento, significa una resa ideologica incondizionata a questo dominio esistente e alla mutilazione che esso produce nel tessuto della vita e nelle sue possibilità e proiezioni.

Perché abbiamo intitolato questo numero del nostro giornale Il vitello d’oro? Rischiosamente, entrando in un terreno minato. E poi proprio oggi, che il vitello d’oro domina incontrastato. E per di più senza avere alcuna nostalgia per altri idoli precedenti o paralleli che si sono arrogati il diritto di presentarsi come la controparte del vitello d’oro mentre ne sono una sua espressione. E mentre tutti o quasi si stanno dando da fare creando ideologie e piccole teorie per giustificarlo e nobilitarlo rendendo insuperabile il suo orizzonte…»


È in libreria il numero 3 della rivista Il primo amore.
Questo è l’indice:

Il vitello d’oro
Antonio Moresco Appunti sull’idolatria di questa epoca
Carla Benedetti Il vitello d’oro
Tiziano Scarpa Le scarpe delle donne e il consumismo inconsumabile
Serge Latouche La decrescita
Irene Campari Denti di ferro

Orbite
Anna Ruchat Sgangherata Sissi
Antonio Moresco Lettere al Papa e ad Elizabeth Taylor
Roberto Michilli Oggetti preziosi
Tiziano Scarpa Il design e il riposo ermeneutico
Andrea Tarabbia Le macerie
Maria Moresco Lev Shestov. La lotta contro le evidenze
Franco D’Intino Leopardi o l’automobile: dello stupore
Sergio Baratto Herbert. Inno agli uomini che muoiono in piedi
Mariella Mehr Lettera alla madre
Antonio Moresco Zingari di merda
Laura Eduati Guerra tra poveri

A voce
Carla Benedetti Conversazione con Giuseppe Bartolini

La fascia di Kuiper
Tiziano Scarpa, Biennale e Documenta – Anna Ruchat, Topografia dell’indicibile – Paola Quadrelli, Il mondo mutato – Elio Grasso, Ripensando alla poesia – Roberta Salardi, Post-Edipo – Sabrina Ragucci, Non avrei più paura – Francesco Venturi, Trovatori – Silvio Bernelli, La macchina degli abbracci – Anna Ruchat, Michele Ranchetti

UN PENSIERO SU "IL VITELLO D’ORO"
Pingback: La mistica del design | Bruciare nel buio

Il primo amore – Giornale di sconfinamento
Anno I – Febbraio 2008 – n. 3
ISSN 1970-9382

Comitato di direzione:
Sergio Baratto, Carla Benedetti, Benedetta Centovalli, Gabriella Fuschini, Giovanni Giovannetti, Antonio Moresco, Sergio Nelli, Anna Ruchat, Tiziano Scarpa, Andrea Tarabbia, Dario Voltolini

Redazione:
Angela Günter e Gianni Scolari

Redazione, amministrazione e pubblicità:
edizioni Effigie, via Vallazze 115, 20131 Milano
Telefono 02 70633220 fax. 02 70633226
effigiedizioni@effigie.com

Redazione svizzera:
Fondazione Franco Beltrametti, via dell’Inglese 3, 6826 Riva San Vitale
www.effigie.com/web/ee/home

Il primo amore è pubbicato in coedizione con
la Fondazione Franco Beltrametti

Per altre informazioni su questo numero, esiste una pagina apposita sul sito della casa editrice Effigie.


1 - La rigenerazione

2 - Il dolore animale

3 - Il vitello d’oro

4 - La fabbrica della cattiveria

5 - Che fare?

6 - Il miracolo, il mistero e l’autorità

7 - Tribù d’Italia

8 - Le opere di genio

9 - L’adorazione








pubblicato da ilprimoamore nella rubrica RIVISTA il 1 gennaio 2006