A Torino la 15° edizione del Forum del Libro-Passaparola

S.G.





Il Forum del Libro – Passaparola, che quest’anno adotta una nuova formula che affianca incontri a momenti di progettazione condivisa e partecipata, sceglie Torino perché è la città italiana che più di ogni altra ha ideato e portato avanti innovativi progetti per la promozione del libro e ha saputo creare una rete fruttuosa tra tutti gli attori della filiera. Esempio di questo impegno è Torino che legge, nata nel 2015 da una collaborazione tra Forum del Libro e città di Torino con il coinvolgimento di biblioteche, librerie, scuole, associazioni, Case del quartiere, Centri di protagonismo giovanile e istituzioni culturali. Torino può essere quindi la città da cui partire per offrire a tutta Italia alcune linee guida e progettualità sulla diffusione della lettura.

Organizzata dall’associazione Forum del Libro presieduta da Maurizio Caminito (con il sostegno di Cepell-Centro per il libro e la lettura, Comune di Torino e Regione Piemonte e con il patrocinio dell’Anci-Associazione Nazionale Comuni d’Italia), l’edizione 2018 del Forum del Libro – Passaparola propone due giornate di dibattiti, incontri, letture e workshop aperti al pubblico sul tema “La città legge”: un’occasione per ragionare sui fenomeni di aggregazione intorno ai libri che si realizzano nelle città, nelle periferie e nei territori regionali, per immaginare nuovi progetti di cooperazione sul fronte della lettura, per riflettere sulla lettura come bene collettivo e sociale da condividere.

Sede degli incontri saranno l’Istituto Avogadro (Via Rossini 18), la Biblioteca civica Primo Levi (Via Leoncavallo 17) e il Circolo dei lettori (Via Bogino 9), dove sarà proposta al pubblico una selezione bibliografica a tema.

Il programma

Il Forum del Libro – Passaparola 2018 si apre sabato 24 novembre alle ore 9 all’aula magna dell’Istituto Avogadro (Via Rossini 18) con un intervento di Nicola Lagioia.

Alle ore 9.30 prende il via la prima sessione dal titolo Libro, lettura e sistema urbano, moderata da Marino Sinibaldi, che presenta alcune esperienze di città che hanno ridisegnato la propria identità grazie a iniziative sulla lettura e i libri: Festivaletteratura di Mantova (con Luca Nicolini), Pordenonelegge (con Alberto Garlini), Torino che legge (con Rocco Pinto) e Fólio a Obidos in Portogallo (con Paula Ganhao).

Alle ore 11.30 verranno presentati al pubblico gli innovativi progetti dedicati alla lettura che sette comuni vincitori del bando Città che legge 2017 del Centro per il libro e la lettura (Cepell) stanno mettendo in atto, grazie ai fondi ricevuti in premio: Arborea (Oristano), Cavriago (Reggio Emilia), Dorgali (Nuoro), Fano (Pesaro e Urbino), Nichelino (Torino), Rosarno (Reggio Calabria) e Zollino (Lecce). Coordina Flavia Cristiano, direttrice del Cepell.

Con la sessione pomeridiana dal titolo Oltre la città, alle ore 14.30 il focus si concentra sulle testimonianze legate a progetti che, invece di gravitare sui centri cittadini, coinvolgono le periferie urbane e i territori regionali. Si parla quindi delle esperienze a favore della lettura portate avanti dalla Comunità di San Gennaro nel rione Sanità a Napoli (con il direttore della nuova casa editrice Edizioni San Gennaro, Edgar Colonnese, dai Presìdi del libro in Puglia con Anna Maria Montinaro, dalla Regione Toscana con l’assessore Monica Barni e dalla Regione Piemonte con il dirigente Eugenio Pintore nelle località meno centrali del proprio territorio.

A partire dalle ore 15.30 pubblico ed esperti del settore possono partecipare ai tre workshop Progetti per la città.
Il workshop Torino che legge 2019. Lavori in corso invita associazioni, scuole, librerie, biblioteche e lettori a portare contributi per iniziare a ragionare sulla prossima edizione con Cecilia Cognigni delle Biblioteche civiche torinesi e l’autrice Serena Gaudino;
il workshop Futuro prossimo è dedicato all’omonimo progetto quadriennale di Save the children Italia, che interverrà sui territori di Marghera, Napoli e Sassari per contrastare la povertà educativa e la dispersione scolastica con Melissa Bodo, Aldo Addis, Marinella Pomarici, Loredana Perego, coordina Carla Ida Salviati;
il workshop Il digitale e la lettura: il progetto europeo “The living Book” si concentra sull’iniziativa che il Forum porta avanti per favorire tra i giovani l’esperienza della lettura attraverso le nuove tecnologie a attraverso altre espressioni culturali come i video e la musica con Pete Stevens, Maria Teresa Carbone, coordina Gino Roncaglia.
Per iscrizioni (entro il 23 novembre) scrivere a: forumdellibrotorino@gmail.com.

Alle ore 17.30 i partecipanti restituiscono le riflessioni e i risultati dei lavori.

Alle ore 21 il Forum del Libro – Passaparola si sposta alla Biblioteca civica “Primo Levi (Via R. Leoncavallo 17), per presentare la prima edizione del premio “Le parole e la città”, ideato dall’Anci e dal Centro per il libro e la lettura, che intende promuovere le città e i territori attraverso i libri che li raccontano e che vi sono ambientati. Partecipa Vincenzo Santoro, responsabile Dipartimento cultura e turismo dell’Anci).

Chiude la giornata la festa letteraria e musicale con reading di testi e storie ambientate nella periferia di Torino, scritti e interpretati dagli autori stessi: Christian Frascella (da poco in libreria con Fa troppo freddo per morire, Einaudi, 2018), Margherita Oggero (autrice di Non fa niente, Einaudi, 2017, e del recente La vita è un cicles, Mondadori, 2018), Enrico Pandiani (Un giorno di festa, Rizzoli, 2017; Polvere, DeA Planeta, 2018), Massimo Tallone (Le maschere di Lola, Edizioni del Capricorno, 2018) e Dario Voltolini (Pacific Palisades, 2017). L’accompagnamento musicale è affidato al chitarrista argentino Miguel Acosta.

La mattina di domenica 25 novembre al Circolo dei lettori (via Bogino 9) si svolge l’incontro La città futura: dialoghi sulle trasformazioni in atto nella città, nella convivenza urbana e nelle forme di aggregazione fisica e virtuale, a cui prendono parte Luca dal Pozzolo (Fondazione Fitzcarraldo Torino), Giulio Lughi (esperto di media digitali), Carlo Olmo (architetto e urbanista), Marco Pautasso (vicedirettore editoriale XXXI edizione Salone Internazionale del Libro di Torino), Giovanni Semi (sociologo), Maurizio Vivarelli (biblioteconomo).

Segue l’annuncio dei Comuni vincitori del Bando “Città che legge 2018” del Centro per il libro, esteso quest’anno alle città con più di 100.000 abitanti.

In chiusura l’assessora alla cultura della Città di Torino Francesca Leon, presenterà il Patto per la Lettura di Torino con le firme del Cepell e del Forum del libro: un documento che indica linee guida, obiettivi e azioni da mettere in campo per diffondere e promuovere le attività di lettura in città. Si tratta di unno strumento di governance attraverso il quale il Comune, con il concorso delle Circoscrizioni e di tutti i sottoscrittori, favorirà la definizione e l’attuazione di azioni e progetti di lungo periodo per la promozione della lettura, coinvolgendo biblioteche, centri di Protagonismo giovanile, librerie, scuole, associazioni, Case del quartiere e istituzioni culturali.








pubblicato da s.gaudino nella rubrica locandina il 15 novembre 2018