Fallo per Girgidonia

Tiziano Scarpa



Sono le diciotto e zero due
di sabato tredici ottobre
sì lo so che questa puntata doveva venire prima
di quella del quattordici
ma mi ero dimenticato di averla scritta
Sono giornate molto calde
al sud si fa il bagno
a Venezia si gira in maglietta
sono rientrato da Bergamo
ho posato la valigia
e sono rimbalzato qui a Treviso
Adesso sono nel cortile di Ca’ dei Ricchi
seduto su uno sgabello alto
scrivo su una mensola da aperitivi
per terra un borsone di carta
con dentro una scatola da scarpe
Fra poco salirò su
a collegare il mio computer
per ingrandire le mie poesie sullo schermo della sala
non posso entrare adesso
c’è un incontro in corso devo aspettare che si svuoti
scrivo negli interstizi della vita
vivo negli interstizi della scrittura
(le frasi precedenti sono dei cliché
la verità è che
vivo negli interstizi della vita e
scrivo negli interstizi della scrittura)
Il festival Cartacarbone è dedicato all’autobiografia
quindi tra le mie storie in rima
devo scegliere quelle che mi riguardano direttamente
quelle in cui non mi sono trasceso
A Terni invece dovevo scegliere
quelle che riguardavano gli animali e le piante
e fra qualche giorno
ne dovrò scegliere una che riguardi
il mediterraneo i migranti i naufragi
Fra la riga precedente e questa
con tempismo perfetto
e pertinenza assoluta
a proposito di usi multiformi e scopi della letteratura
è passato Matteo B. Bianchi
che mi ha regalato al volo il suo nuovo libro
“scritto per convertire il mondo all’amore per Yoko Ono”
– Matteo fa una pausa a effetto –
Tentativo disperato”
Ora salgo a ingrandire le poesie

Il recital è andato benissimo
questa volta c’era un sacco di gente
ma voglio raccontare altre due cose
una è successa prima del recital
l’altra dopo

Ero uscito dalla stazione di Treviso
volevo andare ad ascoltare Silvia Salvagnini
ma ho scoperto che leggeva le sue poesie
dall’altra parte della città
e non avrei fatto in tempo
Camminando vedo un negozio di scarpe
un paio mi colpisce
hanno una suola di gomma scura
finalmente qualcuno ha pensato di produrle
con quei materiali e quel colore
Ho pochi minuti
ce la posso fare
entro nel negozio
Provo le scarpe sbrigativamente
Dico alla commessa “le compro”
Lei commenta “si vede che lei è un uomo
Le clienti donne
provano tutto ci mettono un sacco a decidere”
Io faccio un sorriso decisionista maschile
senza spiegarle che sono stato rapido
solo perché devo correre al festival
Ma non era questo che volevo raccontare
Volevo raccontare
che anni fa un festival letterario
commissionò uno studio
all’illustre Università di Economia Bocconi
la quale dimostrò che ogni euro investito
da Comune e Regione per organizzare un festival
ne rende sette al proprio territorio
ai ristoranti agli alberghi alle botteghe eccetera
Bene
Grazie al mio acquisto di scarpe
avvenuto durante il mio fulmineo passaggio a Treviso
per partecipare al festival letterario Cartacarbone
ecco svelato il mistero
di come mai i festival rendono
Sono gli autori invitati
sono loro che fanno shopping nelle città dei festival

L’altra cosa accaduta dopo la lettura
è che sono andato a mangiare una pizza
con altri poeti e poetesse
anche loro ospiti di Cartacarbone
Mi hanno raccontato che si sono coalizzati
per trovare un uomo a una poetessa loro amica
a cui qui darò un nome di fantasia
la chiamerò Girgidonia
(è inutile che facciate della dietrologia
Girgidonia è una sequenza alfabetica qualsiasi
non c’è nessuna allusione)
Gliene proponevano uno dopo l’altro
e lei prima di decidere se conoscerli
chiedeva sempre e soltanto una cosa
“ma è peloso?”
le interessava sapere solo questo
perché lei gli uomini li vuole pelosi
Questa missione
che ha coinvolto numerosi poeti e poetesse italiane
in codice è stata poeticamente denominata
“Fallo per Girgidonia”
Lo so
non è granché come aneddoto
Ma se praticamente tutta la poesia italiana
si è mobilitata per trovare un falloforo peloso
da inserire nella solitudine di una poetessa
la nostra letteratura non è ancora fottuta
c’è speranza per l’Italia


Altre puntate:

13 settembreVita da manager e agente e segretario di me stesso.

14 settembreLe cose belle le posso descrivere solo da un punto di vista brutto.

15 settembreUfficio Collocamento Estranei-Intimi.

16 settembreUn ponte levatoio di parole fra le persone.

18 e 20 settembreThis is so Italian! La nostra bocca viva per parlare deve usare le parole dei morti.

21 e 22 settembreSe la poesia è un altro modo di stare nel linguaggio.

27 settembreAlghe carnivore e polipi pallidi.

28 settembreAndate a farvi fottere parole scritte.

30 settembreDieci minuti di cittadinanza aumentata e un istante di stupore.

1 ottobreIl nostro destino di albergatori e ristoratori e guide turistiche.

4 ottobreL’effetto doppler dei significati che si allontanano.

5-7 ottobreQuella parte dell’Italia contro cui mi batto da una vita.

6 ottobreCome ho vissuto la mia morte.

14 ottobreUn corpo dopo l’altro venuti dalle profondità del tempo.








pubblicato da t.scarpa nella rubrica dal vivo il 6 novembre 2018