LA LUCINA, IL FILM

Anteprima a Bologna



31 ottobre 2018
ore 20.30
Cineteca di Bologna

Prima proiezione pubblica del film.

LA LUCINA

un film di Fabio Badolato e Jonny Costantino
una produzione BaCo Productions
con Antonio Moresco e Giovanni Battista Ricciardi
tratto dall’omonimo romanzo di Antonio Moresco

Alla presenza dei registi e degli “esordienti” protagonisti.

Ingresso libero fino a esaurimento posti.

Il programma della Cineteca di Bologna lo trovi qui.

Cineteca di Bologna
Laboratori delle Arti Unibo
Piazzetta Pier Paolo Pasolini 5/b
(ingresso via Azzo Gardino 65)
Bologna

Sito del film: http://www.lalucina.xyz/

BaCo Productions: http://www.bacoproductions.org

La proiezione è a cura di Nomadica.

Antonio Moresco — «il più grande scrittore vivente italiano» (“The Untranslated”), «oggi in Italia il più importante autore letterario» (Redazione "Oscar Mondadori”) — interpreta il ruolo del protagonista del romanzo da lui scritto (Mondadori 2013) in un film che ha co-sceneggiato. Il che rappresenta un caso unico e senza precedenti tra i grandi narratori dello scorso e del corrente secolo.

Plot

Lontano nei boschi un uomo vive in completa solitudine, ma un mistero turba il suo isolamento: ogni notte, nell’oscurità che avvolge la montagna di fronte alla sua casa, inizia improvvisamente a palpitare una lucina. Cosa sarà? Inizia una ricerca che conduce l’uomo a incontrare un bambino. Quale relazione li lega? Cosa li sospende tra la vita e la morte?

Dalle note di regia

«La lucina sarà un film nudo che irradia da un nucleo oscuro. Un film sospeso tra la vita e la morte. Un film sul bambino morto che abita in noi e sulla morte che dobbiamo attraversare per salvare chi amiamo».

Dice Antonio Moresco

«La lucina è un film radicale e intimo, come una messa. Non avrei mai pensato d’interpretare questo film. Non so se soltanto io avrei potuto impersonare il protagonista. Su una cosa però devo dare ragione ai registi: forse un attore professionista non sarebbe andato bene, forse ci voleva una persona nuda, disarmata, senza maschera né armatura, qualcuno che non fosse difeso da un mestiere».

Dice Maria Grazia Calandrone

«Protagonista del film è lo stesso Moresco, o meglio sembra essere Antonio Moresco, con la sua figura alta e il suo profilo affilato, con il suo viso sempre un po’ stupito e melanconico. In realtà, i veri protagonisti del libro come del film sono il silenzio e il vuoto, i suoni della natura più che il suono della voce umana, e i legami segreti tra le persone che sono resi evidenti dalla regia. In entrambe le opere, la fusione tra arte e vita è totale, e totale è l’ascolto, la tensione verso il gesto che precede il gesto. In queste due opere è evidente la ricerca di qualcosa che viene prima del linguaggio, di quella che potremmo chiamare una parola-madre, e Costantino e Badolato seguono con rispetto e intelligenza proprio etimologica la parole e la ricerca di Moresco» (Una lucina nel vuoto e nel silenzio).

L’anteprima de
LA LUCINA
è l’evento di apertura di
WEEKEND COI MORTI
una selezione internazionale
di film veramente differenti
curata da
CIRCUITO NOMADICA

dall’1 al 4 Novembre
Spazio Menomale
via de’ Pepoli 1/A, Bologna

Un lungo weekend in occasione della festa dei morti. Una maratona non-stop fatta di incontri e scontri, proiezioni e ricezioni, suoni e visioni: in prima italiana decine di film internazionali,  distillati della più interessante ricerca contemporanea. E ancora seminari, focus, percorsi nello Spazio – in varie forme e formati, dalla notte al giorno e dal giorno alla notte. Lo Spazio Menomale, scavato verso il centro della terra, si fa galleria e sala-continua in cui sprofondare, sala di ricezione in cui non c’è tempo da trovare, con percorsi e crocevia che diventano – com’è solito nella pratica di Nomadica – l’opera stessa, unica, spiazzata e spiazzante, discontinua e non (sempre) schermata. Caos sotterraneo dove “risiede la forma perenne della vita”.

www.nomadica.eu/weekend-it/








pubblicato da j.costantino nella rubrica cinema il 1 ottobre 2018