Apologia di un perdente

Marco Vetrugno



Un estratto dal libro uscito a giugno con Elliot.

"Tre Studi per figure alla base di una Crocifissione" (1944) di Francis Bacon

Ezra:
Deposizione dalla croce
deposizione dal letto
odore di carne morta
che vuole vivere
che vuole ancora

La febbre del sangue
è un lusso pericoloso
è una richiesta inoppugnabile

Fissi gli occhi
sul muro invalicabile
due chiodi conficcati
nel vuoto insondabile
del mio cranio

La visione dell’appeso
la visione ribaltata
naufragata

Liberazione
azione libera

Chiusi i miei pensieri
in mille bottiglie abbandonate
in mille battaglie

Chiuse le mie traiettorie
nell’insidia nascosta
fra le mie occlusioni
nella trappola labirintica delle mie arterie
le mie traiettorie sepolte
nell’involuzione delle mie cartilagini logorate
sepolte in me

Ammanettato
ammanettato
ammattito
am/mat/ti/to

Ezra, sempre accompagnato dallo strano feto avvinghiato al braccio destro, si alza di slancio dalla panca e andando incontro alla teca, si rivolge direttamente al teschio:

Ti prego _mia compagna
spalanca ancora tutte le finestre
fai entrare luce
che io ho ereditato solo buio
buio

Bambina mia
donna dalle ali d’acciaio
donna
custodisci
custodisci
e non temere
non temere

Che le ho ritrovate
le pipe di mio padre
le ho ritrovate all’ufficio degli oggetti smarriti

Che non ho ritrovato me
ma cosa importa?
Cosa importa?

Piccola mia
dannati gli occhi
condannate le mani alla carta

Le lacrime sono inchiostro
sono inchiostro e sangue
sangue
sangue e sperma
sperma rilucente
e bile
bile magmatica

Quando sei distesa sei vera
quando sei distesa sei vera ai miei occhi

Compenetrazione di membra
disfacimento di membra

Hai rinchiuso?
Hai rinchiuso?

La tenerezza dei gesti
l’incanto della tua bocca
il candore che ti ha generata
il candore che ti ha

Via
via
via
andiamo via
che qui non sono stato capito
che qui non sono mai stato

Il movente
fanciulla mia
il movente è sepolto
la lapide incisa
la bara immersa
immersa nel magma
nelle lacrime di lava piante dai miei avi
dai miei morti
dai miei diavoli








pubblicato da j.costantino nella rubrica libri il 11 luglio 2018