Tremulo cuore gronda luce

Jonny Costantino



Mal di fuoco + Il firmamento + Samorì inedito al Mitreo Film Festival, Teatro Garibaldi (Santa Maria Capua Vetere, Caserta), 6 ottobre, ore 18:00.

Nicola Samorì per "Mal di fuoco" (2016)

Cara o caro,

questa mia breve per invitarti a un appuntamento che mi piace pensare come a una conflagrazione tra visioni: Antonio Moresco, Nicola Samorì, BaCo Productions, oltre al sottoscritto.

La location è magica: il Teatro Garibaldi a Santa Maria Capua Vetere, nel casertano, un palcoscenico calcato, decenni or sono, da figure del calibro di Totò e Toscanini, passando per uno dei miei sax tenori del cuore: Coleman Hawkins. La cornice è quella del Mitreo Film Festival, giunto alla sua 17sima edizione.

L’evento si svolgerà grosso modo così:

1) Presentazione del libro Mal di fuoco chiacchierando con Lucilla Mininno, donna di cinema e teatro, oltre che amica e direttrice artistica del Mitreo Film Festival. Si tratta della prima occasione di confronto pubblico su questo libro, edito circa un anno e mezzo fa da Effigie nella collana “I fiammiferi”, che finora non avevo avuto la minima voglia di presentare.

2) Lettura di qualche pagina del libro. Giusto qualche pagina, mi guarderò dall’esagerare, dallo strappare troppe parole all’intimità solitaria dove preferisco vengano assorbite.

3) Proiezione de Il firmamento, film breve diretto da Fabio Badolato e da me (BaCo Productions) e tratto dall’omonima pièce di Antonio Moresco, contenuta nella raccolta di testi teatrali Merda e luce (2007). C’è sembrata una buona idea far seguire Il firmamento alla lettura di Mal di fuoco per via del legame profondo che sussiste tra il film e la terza parte del romanzo, “La Sinistra”. Non è la prima volta che Il firmamento viene proiettato al Garibaldi. Il 12 dicembre 2013, nel corso della serata conclusiva della 13sima edizione del Mitreo, il film suscitò un certo sconcerto tra gli spettatori sammaritani per la sua frontalità genitale, come constatai a posteriori, durante il rinfresco.

4) Scambio col pubblico dentro e/o fuori il teatro, se non preferiremo restarcene in silenzio, il pubblico e io, anche perché immagino che la giornata festivaliera sarà piuttosto densa.

1) 2) 4) Durante il dialogo con Lucilla, la lettura, lo scambio col pubblico, verranno proiettate sullo schermo le opere a oggi inedite che Nicola Samorì ha realizzato per Mal di fuoco. Le dodici immagini pubblicate nel libro sono una piccola parte di un ampio e ispirato lavoro che comprende disegni dipinti sculture. Al Garibaldi, per la prima volta, si vedrà una sostanziosa scelta di queste opere che vogliamo, Nicola e io, far confluire in un’edizione d’artista di Mal di fuoco, in un libro che si prefigura, per merito di Nicola, pervaso di oscura meraviglia. Se pertanto in ascolto ci fosse un editore con occhio di lince e squisita sensibilità incuriosito dal progetto, non esiti a contattarci, anche attraverso “Il primo amore”.








pubblicato da j.costantino nella rubrica annunci il 25 settembre 2017