Requiem per duemila copie di un mio libro andate al macero

Tiziano Scarpa





oh voi duemila copie di una storia
che scrissi con trasporto e ispirazione
duemila copie di

(no, è un tono falso)

vorrei far sentire lo slancio
la gittata mancata
il cammino di un’immagine mentale
che nasce nella mia fantasia
e viene articolata accudita sviluppata

trova un artista che se ne prende cura
per un anno la disegna
la colora

trova un editore che la finanzia
la impagina

trova un tipografo che le dà corpo
le dà carta

trova i librai che eccetera
fino a queste duemila persone non raggiunte
che adesso girano nelle loro città
con i loro pensieri che per un’ora
avrebbero potuto essere anche miei

vorrei riuscire a far sentire
il rammarico il patema elegiaco

oh voi duemila copie fracassate
smantellate disciolte
ridotte di nuovo a polpa di cellulosa
pronta per rifare il percorso da capo
oh tu mia fantasia persa nel vuoto








pubblicato da t.scarpa nella rubrica dal vivo il 10 luglio 2017