I soldi

Tiziano Scarpa



1.

I soldi, mi credevo superiore,
pensavo mi bastasse il batticuore.
Ma nella povertà
c’è questa verità
che scopri quanto costa il buonumore.


2.

Ho rinunciato ai viaggi, ai sogni, ai giochi,
ma i soldi sono sempre troppo pochi.
Ho rinunciato a te.
Rinuncerò anche a me
spegnendo a piedi nudi tutti i fuochi.


3.

E dire che eravamo così forti
ma senza soldi siamo come morti
perché ci butta giù
che non facciamo più
lo shopping delle favole e dei torti.








pubblicato da t.scarpa nella rubrica poesia il 26 settembre 2016