La verità, vi prego, sul mio nome

William Shakespeare







Col proposito di fare finalmente un po’ di chiarezza, mi sono deciso a mandarvi la versione originale del primo dei miei celeberrimi sonetti. Non stupitevi se è in alessandrini: fui io a incoraggiare questa forma, che oggi vi suona francese, presso i poeti della Pléiade.
Mi hanno seppellito ormai quattrocento anni fa. Come ha già notato il dott. Amerio, fin troppi complotti si sono orditi nel tempo col flessile budello dei miei versi. La mia tomba è scerpata ogni giorno da venti in eterna contesa; suscita gli echi acclamanti di mille, discordi contrade. Infinite sono poi le favelle che mi rodono l’orecchio pregando il mio nome, specie se mendico un boccone di silenzio per accomodare l’anima alle cure del sonno. Niente da fare: sono forse gli incubi le tignole della notte; ma le tignole che mi incatenano alla veglia sono le patrie che mi reclamano ogni ora.
Il mio vero nome è Guglielmo Crollalanza e sono l’autore di Romeo and Juliet, Hamlet, Prince of Denmark e The Life and Death of Julius Caesar. Sono nato a Messina nel 1564.





Circamu figghiulanza unn’i criaturi chiù fini,
ch’a rosa d’a biddizza un avissi a cripari,
ma siddu s’av’a cùnchiri u tempu d’a so fini,
un’eredi chiù gerba l’avissi a ricurdari.
Ma tu, chi ti mariti ai toi stissi occhi chiari,
addumi cu a to’ cira a ciamma d’a to’ luci,
purtannu caristia unn’abbunnanza av’a stari,
troppu priincutu contru di tia, chi fussi duci.
Si sì cammora u friscu linticciolu d’u munnu
e u squisitu abbannìu d’u prìu d’a primavera,
a to’ sustanza a mmucci ntô girmogghiu, nfunnu,
e pri annacaritilla fai minnitta fiera.
Cumpatisci stu munnu, si non vo’ purtari
intr’a to’ cascia quantu u munnu t’eppi a dari.






Il mio ritratto è preso da qui.








pubblicato da r.gerace nella rubrica poesia il 23 aprile 2016