Addio, lettere ciclomotorie

Tiziano Scarpa



“...pensò che non avrebbe più visto lo spettacolo delle parole che si formavano e si distruggevano in quel modo così folle sulle righe del tabellone ferroviario...”

Tratto da qui.








pubblicato da t.scarpa nella rubrica dal vivo il 6 gennaio 2016