Piccoli poeti di periferia

Beppe Severgnini



I bambini sono di otto, nove, dieci anni. Ci sono pochi italiani, sono per lo più migranti che vengono da Cina, Uruguay, Brasile, Panama, Perù, Colombia, Bangladesh, Pakistan, Sri Lanka, Filippine, Marocco, Tunisia, Russia, Romania, Ucraina, Egitto, Siria, Ecuador eTc. Alcuni sono appena arrivati, altri sono in Italia da tempo, altri sono nati qui”.

L’articolo è uscito il 24 dicembre 2015 sul Corriere della sera; continua qui.








pubblicato da t.scarpa nella rubrica I fiammiferi il 25 dicembre 2015