Giacomo L. e Silvio B.

Tiziano Scarpa



In attesa di leggere La vita quotidiana in Italia ai tempi del Silvio di Enrico Brizzi, ho riaperto lo Zibaldone alla pagina del 2 marzo 1821:

"E si vede in fatti, chi conosce un tantino la storia de’ regni, come i massimi avvenimenti sieno spesso derivati da piccolissimi affettacci di quel re, di quel ministro ec., da menome circostanze, da una passioncella, da una parola, da una ricordanza, da un’assuefazione individuale, da un carattere particolare, da inclinazioni; da qualità, accidenti della vita, amicizie o nimicizie ec. contratte dal principe o dal ministro ec. nello stato privato.
(...)
E così oggi gli scrittori di aneddoti e bazzecole di corte, sono più benemeriti forse della storia, che i sommi storici, e scrittori delle massime cose."

Qui e qui il brano completo.








pubblicato da t.scarpa nella rubrica giornalismo e verità il 2 novembre 2010