Tribù d’Italia

ilprimoamore



Se guardiamo le cose in superficie, tutto sembra perduto nell’Italia di questi anni.
Ma se proviamo a guardare sotto la superficie, ci capita continuamente di incontrare delle persone inaspettate che cercano di rendere possibile la vita e di creare tessuto connettivo in una situazione così devastata, che non si piegano, che non si arrendono, che riescono non si sa per quale miracolo a mantenere la propria umanità e libertà, che cercano di andare da un’altra parte.

Bisogna ricominciare da qui, dalle persone che si riconoscono e che si mettono a sedere attorno allo stesso fuoco.

Uniti da questo atteggiamento e da questo sentimento abbiamo proposto a singole persone e a gruppi che operano in vari campi di incontrarci anche fisicamente per unire e moltiplicare le forze e dare vita a qualcosa di inedito e di spiazzante nella situazione bloccata di questi anni. Con queste persone e con questi gruppi di donne e di uomini ci siamo incontrati, lo scorso ottobre, nel corso di due giornate di riflessione e racconto, di confronto e contaminazione.
Il nuovo numero della rivista è tutto dedicato a quei due giorni e ai risultati che ne sono scaturiti.

E’ ancora disponibile nelle librerie Il primo amore 7 – Tribù d’Italia, Effigie, Milano 2010, pp. 160, € 15








pubblicato da ilprimoamore nella rubrica annunci il 11 ottobre 2010