Fate schifo

Giovanni Giovannetti



«Bluffano sui dati, raccontano balle...» Ricordate? Cominciava così un mio articolo del dicembre scorso, poco dopo lo sgombero "politico" del Centro comunale di prima accoglienza a Fossarmato presso Pavia, «uno sporco gioco sulla pelle di uomini donne e bambini rumeni» messi con la forza in mezzo a una strada in pieno inverno. La cacciata dei Rom fu un atto di puro arbitrio, senza il supporto di un’ordinanza del sindaco (obbligatoria in questi casi) preceduta dalla divulgazione di falsi dossier e da un’infamante campagna di criminalizzazione orchestrata dal sindaco Cattaneo e dall’assessore Assanelli, due che si dicono cristiani.
I falsi dossier erano opera di Carla Galessi, la superpagata dirigente dei Servizi sociali (96 mila euro annuali in pubblico denaro), superpagata per raccontare balle galessiche ai cittadini pavesi e al Prefetto che, fidandosi, ha poi firmato sette decreti di allontanamento a carico di persone appartenenti a cinque famiglie (di famiglie il Comune ne ha infine cacciate dieci).
In solitudine, sul "Primo amore" avevo denunciato l’incredibile misto di razzismo e menzogne; sei mesi dopo, la conferma arriva da una sentenza del Tribunale di Pavia, a cui Radu Romeo – assistito dalla Camera del lavoro e dagli avvocati Francesca Segagni e Sara Brusoni – unico tra loro, si era fiduciosamente rivolto: accolto il ricorso, annullato il provvedimento.
La sentenza commenta anche le false carte comunali: in una nota del 7 settembre 2009 la dirigente dei Servizi sociali ha sostenuto che Radu «non è immune da precedenti penali e di polizia, conduce un tenore di vita non idoneo alla sua situazione, ha rifiutato una borsa lavoro […] non è integrato nella società italiana». Dunque «si sospetta che il suddetto possa trarre il proprio sostentamento da attività illecite». Né sugli aggiornatissimi certificati dei "carichi pendenti" né sul "casellario giudiziale" sono risultati procedimenti penali a suo nome, così come non troviamo i millantati precedenti giudiziari. Normalmente si dovrebbe sentire il dovere di esibire prove, documentare fatti, invece in Comune «si sospetta...» e in Prefettura nemmeno si sospetta che si tratti di una sòla costruita ad arte, così come è stato infine accertato.
La banda Galessi-Cattaneo-Assanelli infierisce anche sui tre figli di Romeo: «I maggiorenni non risultano inseriti nel tessuto nazionale. Il Comune di Pavia ravvisa, per loro, gli estremi di una situazione di "drop-out"» ovvero «il rifiuto dei predetti di seguire un percorso di integrazione, probabilmente dettato dall’esempio del padre». Insomma, per i contaballe comunali Romeo è un mostro. Allora forse stupiranno nell’apprendere che il Tribunale pavese ha rilevato che è vero esattamente il contrario; e bene hanno fatto e fanno i figli di Romeo a seguire l’esempio del padre: il maggiore frequenta assiduamente e con profitto un istituto professionale; i voti – recita la sentenza – sono «spesso al di sopra della sufficienza», dimostrando un costante «impegno, volontà di apprendere, buona conoscenza della lingua italiana e perfetta integrazione nel tessuto scolastico e sociale». La secondogenita, pur avendo perso l’anno a causa dello sgombero «ha in programma di iscriversi a giugno ad un corso serale». Quanto al più piccolo, la certificazione rilasciata al giudice Confalonieri dal dirigente scolastico sottolinea «l’ottimo rendimento in tutte le materie» e una più che «buona disponibilità a relazionarsi con gli altri nel rispetto delle regole di convivenza». Su rispetto delle regole e della civile convivenza è dunque il caso che Cattaneo, Assanelli e Galessi prendessero lezioni da questi piccoli Rom e dai loro genitori: come si legge nella sentenza, «il loro comportamento dimostra quanto la famiglia li stia educando in maniera corretta, insegnando loro l’importanza dello studio e il rispetto delle regole di buona convivenza».
Non è finita: leggiamo poi che Radu Romeo è un «lavoratore autonomo integrato nel tessuto socio economico del Paese, dispone per se stesso e per i propri famigliari di risorse economiche sufficienti per la conduzione di un’esistenza dignitosa, non è un onere a carico dell’assistenza sociale […] e non rappresenta un pericolo per la società»: sono motivi sufficienti per annullare il provvedimento prefettizio, emesso il 12 novembre 2009, dodici giorni prima che Radu – in forza di quella cartastraccia – venisse cacciato dal centro di Fossarmato insieme a moglie e figli.
La Prefettura ha perso, Romeo ha "vinto". La sentenza restituisce dignità a lui e credibilità allo Stato di diritto.
Ma quale dignità potrà fingere di avere ora la bugiardissima romofobica Carla Galessi? Come dimenticare quell’altro falso dossier infamante su presunti episodi di prostituzione minorile tra i Rom ospitati nel Centro di San Carlo? Che dire poi dell’altrettanto bugiardo sindaco Cattaneo, secondo cui quelli come Romeo «non si vogliono integrare»? E l’assessore Assanelli? Aveva ritagliato su di loro la menzogna degli «uomini difficilmente difendibili». E ora?
- Parte lesa è la Prefettura, che ha creduto ai falsi dossier di sindaco e assessorato, esponendosi così a una sonante figuraccia.
- Parte lesa sono i cittadini, di fronte alla sistematica irrisione delle norme da parte di chi invece ne dovrebbe garantire il rispetto.
- Parte lesa sono le dieci famiglie rumene illecitamente sgomberate da Fossarmato e da San Carlo, le stesse che, coltivando non infondati pregiudizi verso istituzioni così profondamente illiberali e antidemocratiche, sfiduciate, hanno subìto la violenza comunale, senza nemmeno provare a far valere i loro diritti di esseri umani prima che di cittadini.
- Parte lesa sono le istituzioni, quelle rese astratte da chi erige muri – a Fossarmato come in Borgoticino – di fronte a ogni realtà dinamica e fuori dal coro.
- Parte lesa è la ragione, sistematicamente irrisa da chi coltiva la cultura dell’odio, chi promuove Pavia come terra di frontiera senza più spazi sociali né sensibilità umana. E lo fa solo per nascondere l’incapacità di interazione tra la politica accattona e le esigenze del territorio, oltre che con la vita delle persone.








pubblicato da g.giovannetti nella rubrica il dolore animale il 27 maggio 2010