Strange fruits

ilprimoamore



Strange fruits, la rubrica che inauguriamo oggi con una poesia di Tony Hoagland dedicata proprio a Lady Day, raccoglierà materiali sulla musica. Non solo jazz, ovviamente, né solo poesie.
Ci saranno conversazioni, racconti, riflessioni, consigli di ascolto e di lettura sull’arte che accompagna una parte così grande delle nostre vite e che può «ispirare e muovere una malinconia bensì dolce, ma ben diversa dalla gioia; una malinconia ed una passion d’animo che piuttosto che versarsi al di fuori ama anzi rannicchiarsi e concentrarsi e ristringe, per così dire, l’animo in se stesso quanto più può, e tanto più ella è più forte, e maggiore è l’effetto della musica» (G. Leopardi, Zibaldone, 3311).
Buon ascolto.








pubblicato da ilprimoamore nella rubrica musica il 28 novembre 2009