Terremoto: Centro

Serena Gaudino



Secondo passo

Per percorrere il centro di L’Aquila a piedi bastano più o meno 4 ore. E lo si visita tutto.
Si entra e si esce dalle stradine più piccole, dalle piazze più belle, dalle strade più larghe e di sera, dalle strade più affollate di giovani in cerca di svago.
Il primo giorno che ho visitato L’Aquila sono stata portata in giro tra i detriti e le macerie da un gruppo di amici aquilani.
Un tempo, ovvero prima del terremoto del 2009, il centro era veramente un centro. E L’Aquila con i suoi cittadini non conosceva, se non lontanamente, il concetto di periferia. Non esisteva nulla nella periferia aquilana, la vita era tutta lì, nel centro: circa 1500 esercizi commerciali tra cui la stragrande maggioranza era costituita da artigiani: tappezzieri, corniciai, restauratori. Realtà che ora si sono quasi completamente perse, disgregate. Del centro ora non resta che una poltiglia diluita nella periferia.








pubblicato da s.gaudino nella rubrica condividere il rischio il 4 aprile 2014