Terremoto: Biblioteca

Serena Gaudino



Primo passo

Il 6 aprile del 2009 a L’Aquila il terremoto ha anche distrutto le biblioteche e le librerie della città. Nei giorni immediatamente successivi al disastro non c’era nulla da leggere. Né per i bambini né per gli adulti. Non è una cosa da poco. Soprattutto nei campi di primo soccorso. Nelle tendopoli. Il tempo passa lento.
Così in tanti da tutta Italia hanno cominciato a mandare libri. E il tanti, a L’Aquila, li hanno accolti e organizzati: in un Bibliobus donato dall’AMA, proprio nei giorni del caos.
Ed è nato il Bibliobus aquilano, che ha portato e regalato libri nelle tendopoli prima e poi nei tanti insediamenti fuori dal centro oggi. Gli adulti e i bambini.








pubblicato da s.gaudino nella rubrica emergenza di specie il 3 aprile 2014