Cinghiale avvistate a Piacenza e Brescia

con Marta Dalla Via



sabato 22 marzo, ore 21
Teatro Trieste
PIACENZA

domenica 23 marzo, ore 21
Teatro Nave di Harlock
BRESCIA

LA CINGHIALA DI JESOLO

“Mi sono spaventato che dentro di me si poteva vedere il bene.”

2 classificato Premio off #4 Teatro Stabile del Veneto
Premio Fondazione Antonveneta come migliore interprete

di Tiziano Scarpa
con Marta Dalla Via
scene Diego Dalla Via
costumi Licia Lucchese
direzione tecnica Roberto Di Fresco
una produzione Teatro Fondamenta Nuove e Fratelli Dalla Via

Sono uscito dal riformatorio. Sono entrato nell’agenzia di lavoro provvisorio. Sono uscito dall’agenzia che ero aiuto-cuoco in una colonia comunale vicino a Jesolo.

C’era una volta una ragazzina molto ingenua, quasi minorata mentale, si chiamava Cristina… Cosa ridete, che è una storia triste.

È triste. È comica. È poetica. È funky. Questa favola metropolitana poggia sulle spalle di tre figure femminili imponenti, la Cuoca, la Cinghiala, Cristina, che vengono solamente ricordate, imitate, raccontate, mentre tutta la fisicità di questo testo, tutti questi paesaggi di parole si incarnano nella voce e nelle azioni del mingherlino ragazzetto ex detenuto. Il piano di senso e dei sensi viene ulteriormente ribaltato, visto che il personaggio maschile è interpretato da un’attrice. La purificazione passa attraverso questo rito scenico. Il femminicidio del maschio bulletto è compiuto da una donna. Lo spettatore ascolta l’attrice che recita con le desinenze in –o, vede il suo fisico aggraziato che assume atteggiamenti muscolari. Così il protagonista ragazzo si immerge nella metà sessuale opposta, la ragazzina che ha distrutto, la femminilità che ha negato.

Io mangio tutto insipido, ho paura del sale. Il mio sangue l’ho assaggiato, è salato. Io la cattiveria ce l’ho dentro di me e non la racconto per finta. Ma ora sono diverso, ho conosciuto la Cinghiala.


Marta Dalla Via è un’attrice affascinata dalla scrittura drammaturgica.

Insieme al fratello Diego Dalla Via scrive Piccolo Mondo Alpino, progetto vincitore del Premio Kantor, spettacolo prodotto dal CRT di Milano e vincitore del premio speciale della giuria nel concorso drammaturgico CTAS Oltrelaparola 2011. Nel 2013 il loro progetto Mio figlio era come un padre per me è vincitore del Premio Scenario.








pubblicato da t.scarpa nella rubrica annunci il 21 marzo 2014