“Per cambiare siamo andate dal bruco”

Tiziano Scarpa



Per cambiare siamo andate dal bruco
a istruirci sulla crisalide.

Queste lettere alfabetiche
sono la secrezione in cui ci immergeremo,
pappa proteica sciolta, l’algoritmo
che ci trasformerà in tutt’altro.
Ci rimescoliamo dentro al guscio,
brulichiamo in silenzio. Diventiamo.

(Queste lettere alfabiurg hoisio nolre
id cco cb.rrtia iesàgtr itepaa llmpr
aco misu’lor ltmitsa es’isd.utre ol
ealiabc iptihCesa doimmetl csoatn
oc ila hircois a,llo moci nizam ccc a
oaee carre crilbuindapo ierm eiag
rc auarfer nni aet ututaro, eesma
mao rrn sia,P ilenzio. Diventiamo.)

Ne esce una falena saturnina
attirata dall’ombra a mezzogiorno,
va a tuffarsi nel buio in piena luce,
nell’inchiostro stampato sulla pagina,
nel pixel che si staglia sull’abbaglio.
Il sogno di dissolversi nel nero
per familiarità eccessiva con l’eclissi,
con il delirio l’afasia la morte.
Cazzo!








pubblicato da t.scarpa nella rubrica poesia il 30 aprile 2014