“Che ci sia un cuore che batte dentro il corpo”

Tiziano Scarpa



Che ci sia un cuore che batte dentro il corpo
per noi è difficile da capire.

Così imitiamo un battito
battendo sull’accento.
L’accento è il nostro cuore
che pulsa di nascosto
immerso dentro il corpo.
Chi è vivo non si accorge
di avere un cuore dentro.
Cammina parla scrive
e intanto non ci pensa
che porta in sé un accento
che batte batte batte.

Vorremmo poterci immedesimare
in chi ha un cuore.
Forse il nostro sangue
è il significato che scorre lungo la frase,
la irrora e si ritira come una risacca,
lascia conchiglie e robaccia sulla spiaggia.

E così siamo passate dal sangue al mare
nel giro di una frase.
Decisamente non sappiamo comprendere
che cosa voglia dire avere un cuore
che ti insanguina dall’interno.








pubblicato da t.scarpa nella rubrica poesia il 4 aprile 2014