Da “Il sistema limbico”

Giovanna Rosadini



L’aria ha ripreso a muovere
i rami resuscitati in foglie tenere
il mare ha ritrovato un battito
di ombre e luci, guizzi
lanciati nella trasparenza
giù verso il fondale sgombro,
arato da correnti morbide

mi riporti dentro a un tempo
imperfetto di sogni scollati
dal candore, così a lungo eluso
e ora così vero e aderente, pelle su pelle
rapido e spietato quanto vivo, presente,
pulsazione scorticata e messa a nudo
nell’orchestra dei gesti più grandi.

Conducimi, continua, non perdermi.

Da Il sistema limbico, edizioni Atelier, 2008.








pubblicato da t.scarpa nella rubrica poesia il 29 settembre 2008