Il primo amore #4 - La fabbrica della cattiveria

ilprimoamore



Il tasso di cattiveria sta crescendo sempre più. Sulla cattiveria si stanno costruendo rendite elettorali e fortune politiche e antipolitiche. Le macchine economiche, mediatiche, sportive e di altro tipo funzionano facendo venire fuori il peggio dalle persone e dal paese. Ovunque esasperazione, invidia, risentimento, livore, paura. L’Italia di questi anni è la fabbrica della cattiveria. Perché in questo numero della rivista parliamo di cattiveria? Perché usiamo questa definizione un po’ infantile di «cattiveria» e non utilizziamo invece altre parole che hanno un più affermato pedigree culturale: crudeltà, violenza, ecc... ? Lo facciamo perché ci sembra più proporzionale e più giusto che molti dei fenomeni di questi anni siano privati della nobilitazione rovesciata che queste altre parole si sono conquistate nel discorso della modernità, per riportare le cose alla dimensione infantile e priva di trascendenze culturali della cattiveria.

Maggiori informazioni qui

Un numero: euro 15. Arretrati euro 15 più le spese di spedizione. Abbonamento annuale (3 numeri) euro 40, con versamento sul conto corrente postale n. 79786430 intestato a Effigie Sas, via Vallazze 115, 20131 Milano, oppure con l’invio di un assegno o di un vaglia postale al suddetto indirizzo. Per gli ordini inferiori a euro 40,00 e per le spedizioni all’estero, le spese postali sono a carico del destinatario.








pubblicato da ilprimoamore nella rubrica annunci il 17 settembre 2008