Cartoline dai morti #10

Franco Arminio



Mio marito si era suicidato quando io ero giovane. Ho vissuto senza di lui ancora trent’anni. Poi ho fatto la stessa cosa. Mi sono sentita come un serpente che scivola indifferente davanti alla sua vecchia pelle.

Stavo facendo la barba a un vecchio. Io avevo quarantanove anni e lui novanta. Sono morto con il rasoio in mano. Sono caduto all’indietro, come se fossi a cavallo.

Mio marito mia ha gettata nel pozzo. Gli รจ venuta una furia, una forza che non gli avevo mai visto. Ho gridato mentre mi trascinava, ma nel podere c’era solo il vecchio trattore e le rondini che facevano avanti e indietro per farsi il nido sotto la nostra casa.

Mi dispiace per te ho detto a mia moglie che mi stringeva le mani. Nessuno quando stiamo bene ci stringe le mani in questo modo, nessuno.








pubblicato da t.scarpa nella rubrica racconti il 17 giugno 2008