La lumaca

Tiziano Scarpa



Oggi stavo tagliando l’insalata
e ho trovato una piccola lumaca
nel cuore delle foglie.

Dormiva ripiegata su sé stessa.
Ha dovuto trascorrere un letargo
lungo ventiquattr’ore,
perché improvvisamente
ieri per lei era arrivato l’inverno
nel comparto verdure
del frigorifero marca Gorenje
fabbricato in Slovenia.

È di quelle lumache senza guscio,
si è fatta una chiocciola di insalata.

L’ho messa sulla lama del coltello.
Si è stiracchata. Ha spinto fuori gli occhi.
Mi ha guardato con quei pallini strabici.
Chissà che cos’ha visto.

L’ho portata nell’orto
sulla terra bagnata
al riparo dal sole
di oggi venerdì ventidue settembre,
che per lei stamattina
era il primo giorno di primavera.


Puž

Danas baš dok sam rezao salatu
našao sam u njoj majušna puža
u srčiki na listu.

Zaspao je i snivao sav sklupčan.
Bio je prisiljen na zimski san od
dvadeset čet’ri sata,
jer odjednom za njega
jučer je započela prava zima
u ladici za povrće
frižidera robne marke Gorenje
slovenske proizvodnje.

Bio je to običan pužić golać,
kućicu je napravio od salate.

Stavio sam ga na oštricu noža.
Protegnuo se. Izbacio oči.
Pogledao me kuglicama razrokim.
Tko zna što je on vidio.

U vrt ga tad odnesoh,
stavih na vlažnu zemlju
na sigurno od sunca
ovog petka dvadeset drugog rujna,
jer za njega je jutros
bio prvi dan proljeća.

Traduzione di Snježana Husić

Discorso di una guida turistica di fronte al tramonto è pubblicato da Amos edizioni.








pubblicato da t.scarpa nella rubrica poesia il 27 maggio 2008