Strade bianche

Pierre Lepori



Cos’altro può succedere se il cielo è troppo grigio
e la luce così poco conforme allo sguardo,
in questa sera, giovedì, sulla campagna,
con vacche sparse, indifferenti,
un primo fanale anzitempo
e gli sbuffi di nebbia sulle rotaie,
strade bianche e bagnate
che cosa può succedere? È questo un paesaggio di guerra,
di una tregua indecisa e implacabile?
o è una terra di pace addormentata
anestesia?

Questo silenzio
tra cane e lupo,
poco meno che niente.


(Pierre Lepori, Strade Bianche, Interlinea 2013, pp.113, € 12.)








pubblicato da s.baratto nella rubrica poesia il 19 novembre 2013