Politica.

Tiziano Scarpa



Stamattina gli operai del Comune smantellano le vele di metallo davanti a casa. I bambini non tireranno più il pallone contro quei sottili fogli di acciaio, facendoli vibrare come le macchine del tuono che si usano a teatro. Insieme a loro vengono ammainati i manifesti elettorali che ci sono incollati sopra, striati dalla pioggia. Per le strade si respira un’aria nuova, sui volti del nord c’è un’affabilità sorniona. “Il tornaconto è la migliore soluzione politica – dicono i loro sorrisi – non riusciamo ancora a capacitarci che fosse la più semplice. La prima risposta non è soltanto la più istintiva, è anche quella giusta. Perché complicarsi la vita, quando è contro il tuo interesse? Perché darsi pena per gli immigrati, quando puoi toglierli di mezzo? Perché spazientirsi per il sud, quando basta tagliargli i viveri? Dovremmo forse vergognarci di ciò che ci conviene? Pazienza se ci faremo odiare. Tanto, non siamo mai risultati simpatici. Si prepara una dolce primavera settentrionale.”








pubblicato da t.scarpa nella rubrica dal vivo il 22 aprile 2008