Bollettino dell’invidia: ultime notizie

Tiziano Scarpa



Un giorno il sole tramonta spandendo nel cielo i suoi colori, ma l’acqua della laguna resta opaca e grigia. Più tardi, la luna brilla nella notte, ma la laguna non la riflette.
Come mai? Che cosa sta succedendo?
È questa la situazione di partenza di Laguna l’invidiosa, una favola veneziana e universale, attuale e piena di sorprese, scritta da Tiziano Scarpa e illustrata da Maria Gianola, pubblicata da Gallucci editore.
Qui si può sfogliare un’anteprima del libro:

Se non compare nella finestra, l’anteprima si può sfogliare anche qui.

“Ma allora che cosa c’è che non va?” chiesero il sole e la luna.
“C’è che sopra di me hanno costruito una città!”
“Sopra? Come si fa a costruire una città sopra l’acqua?”
“Tutti dicono che sia bellissima. Nessuno fa più caso a me, guardano solo lei, si sono dimenticati che esisto!”
“Che cosa possiamo fare per aiutarti?” dissero la luna e il sole.

Laguna l’invidiosa è una favola con una caratteristica originale: trasforma gli elementi naturali in personaggi. La laguna, il sole, la luna, invece di restare sullo sfondo, diventano i veri protagonisti. Questo rovesciamento, oltre a dare vita a una storia avvincente, suggerisce ai lettori, piccoli o grandi che siano, di fare caso al posto dove vivono, per sviluppare una sensibilità ambientale e fare premurosamente “mente locale”.

“Se vieni a Venezia, ricordati che non esiste solo la città, ma anche la laguna. E quando visiti qualunque città, qualunque altro posto che sta al centro di un paesaggio, fai attenzione anche a quello che c’è intorno. Perché le cose non esistono per caso. Perché c’è sempre qualcos’altro intorno, una laguna, un bosco, una valle, una pianura, che protegge un sacco di creature, c’è sempre un pianeta a cui nessuno bada, e che potrebbe rimanerci molto male e arrabbiarsi di brutto.”
(Da “Laguna la preziosa”, appendice a Laguna l’invidiosa, Gallucci editore)








pubblicato da t.scarpa nella rubrica annunci il 31 ottobre 2013