Cambiamenti di stato

Teo Lorini



Berlusconi pare più invecchiato e meno brioso del solito, mentre tenta di giustificare l’inclusione di Giuseppe Ciarrapico, con le sue condanne penali e le sue condannabilissime esternazioni fasciste, nelle liste del PdL.
Fra risibili distinguo, al Cavaliere sfugge la frase: «Ma AN sapeva». A stretto giro di microfoni gli risponde Ignazio La Russa, proprio dalla sede di AN: «Non è vero, noi ci siamo solo adeguati».
Il tg passa oltre. I nostri occhi, stupefatti, si affollano di domande.
Ma AN non era confluita nel PdL? Non era stato Fini in persona a scioglierla? Chi sarà stato a ri-solidificarla ?

Ma soprattutto: quando pensavano di farcelo sapere?








pubblicato da t.lorini nella rubrica dal vivo il 11 marzo 2008