Guerriero.

Tiziano Scarpa



Ho cominciato a perdere i capelli a diciotto anni. L’età adulta mi si è presentata sotto forma di invecchiamento precoce. Una volta mi illudevo di averla già pagata in anticipo, la mia quota di vecchiaia, essendo stato un giovane difettato, la cui testa non faceva onore alla sua generazione. Ora che ho quasi quarantacinque anni, sorrido dei miei coetanei preoccupati da calvizie incipienti, galoppanti o conclamate, soprattutto quando ostentano imbarazzo o autoironia sulle capigliature che gli diventano grigie. Io queste battaglie le ho già combattute, sono un guerriero più forte di loro perché le ho perse tutte. I capelli stanno diventando bianchi anche a me, li rado con il rasoio elettrico, ogni tanto con la schiuma da barba e la lametta: il cranio ritorna come nuovo, appena sbucciato. Alla fine della rasatura dimostro qualche anno di meno. Così i capelli che diradandosi mi invecchiavano, scomparendo del tutto ora mi ringiovaniscono. Infinite le vie per non pensare alla morte.








pubblicato da t.scarpa nella rubrica dal vivo il 17 dicembre 2007