Festival della Lettura

ilprimoamore



Napoli, Chiesa dei SS. Marcellino e Festo
8 novembre 2007 ore 18

Coordina
Serena Gaudino

Interviene
Diego De Silva

Proiezione della docu-inchiesta
Questi lettori di Giuseppe Cembalo

Letture, storie, racconti e grandi autori sono gli elementi del primo Festival della Lettura che l’Università Federico II organizza insieme all’Associazione "A Voce Alta". Un modo coinvolgente per promuovere il libro e il piacere della lettura insistendo proprio sull’«Alta voce» quale momento di dialogo e di coesione sociale e sul mezzo multimediale grazie all’attivazione del Forum www.onebook.unina.it.

Giovedì 8 novembre dalle 18 in poi, nella meravigliosa chiesa dei Santi Marcellino e Festo, presso la sede della Facoltà di Geografia, tutti coloro che vorranno potranno leggere in pubblico un brano del loro libro preferito e condividerlo con gli altri partecipanti, presentandolo con uno slogan che figurerà nella bibliografia della serata pubblicata successivamente in formato elettronico.

Tutti gli aspiranti lettori potranno iscriversi alla serata registrandosi sul sito dell’Università www.onebook.unina.it o su quello dell’Associazione www.avocealta.net e inviando una pagina digitalizzata del loro libro preferito e che può essere associata alle seguenti macroaree tematiche:

Amore – amicizia, gelosia, sensualità, passione

Angoscia – disperazione, dolore, paura

Felicità – coraggio

Follia – ossessione

Odio – rabbia

Solitudine – diversità, distacco, nostalgia, rimpianto, tristezza

I più pigri invece potranno fotocopiare la pagina e lasciarla presso il box dedicato, compilando un modulo in loco, presso la Libreria Mondadori di via Benedetto Croce, 28.

Nel corso della serata, in cui sarà proiettata l’inchiesta in progress di Giuseppe Cembalo "Questi lettori", prodotta dalla stessa Associazione A Voce Alta, i testi, custoditi in colorati boxes a tema, saranno sorteggiati permettendo, sfidando il caso, a tutti i lettori la propria performance.

A coordinare, accogliere e moderare la maratona di lettura ci saranno Serena Gaudino, promotrice culturale e animatrice del Presidio del Libro di Scampìa, e lo scrittore Diego De Silva che proprio in questi giorni è in libreria con il suo ultimo libro pubblicato da Einaudi "Non avevo capito niente". Inoltre, nel chiostro sarà possibile visitare alcuni stand librari e gustare specialità gastronomiche. L’evento sarà seguito anche dalla web-radio dell’Accademia di Belle Arti di Torino che per l’occasione si gemella con l’Università Federico II.


Associazione culturale Onlus “A Voce Alta”

L’Associazione , nata nell’ottobre del 2005, si propone di diffondere il piacere della lettura, soprattutto nella forma ad alta voce.
Leggere ad alta voce significa non solo trasmettere una storia, ma anche comunicare le proprie emozioni, creare una relazione, talvolta rendere indimenticabile l’esperienza.
Fin dall’inizio, l’associazione ha svolto un lavoro intenso e costante, sul territorio cercando di coinvolgere persone adulte che non hanno affatto l’abitudine di leggere sia lettori abituali. Iniziando dai Quartieri Spagnoli, l’attività dell’associazione si è poi allargata a macchia d’olio coinvolgendo oggi anche i quartieri Sanità, Capodimonte e Scampia. E proprio in questi luoghi sono stati letti testi classici di autori come Boccaccio, Tolstoj, Puškin e Calvino, testi di scrittori napoletani come la Serao e l’Ortese e orientali come la Divakaruni e Abd-el Salam. Senza tralasciare gli autori contemporanei e giovani come Roberto Saviano (ospite nell’ottobre scorso) e Valeria Parrella intervenuta alla Fondazione Mondragone a giugno 2007.
A Voce Alta è un circolo itinerante di lettori, in qualche modo trasversali, che vuole essere, così, luogo di condivisione del piacere della lettura ma anche di incontro e di dialogo dove gli ascoltatori, al di là di discorsi specialistici, hanno la possibilità di esprimere le proprie opinioni e le sensazioni che il testo ha provocato.
I luoghi degli incontri sono le scuole, le parrocchie, il Museo della Moda-Fondazione Mondragone, l’Archivio Fotografico Parisio e piccole librerie come Treves e Marotta mentre i nostri lettori sono uomini di teatro e di televisione.
L’esperienza del primo anno ha reso necessario l’estensione dell’azione culturale dell’associazione ai bambini attivando laboratori teatrali e realizzando video che documentano l’impegno di ogni singolo socio e del vasto gruppo di giovani tirocinanti che ruota attorno all’associazione.
Accanto a questa esperienza è nato un progetto di lettura ad alta voce che ha avuto come protagonisti i bambini e le mamme del Primo Circolo comprensivo di Vico Tiratoio e della scuola Montessori, Fabozzi. Per i bambini dei semiconvitti Materdei, Cristo Re e Bellaria si prevede il Progetto Fiabe.








pubblicato da t.scarpa nella rubrica annunci il 7 ottobre 2007