Roberto Saviano nel mirino

Gianluca Di Feo



Riporto i primi paragrafi dell’articolo che L’espresso dedica alla situazione di Roberto Saviano (sotto un titolo che non me la sono sentita di ricopiare per l’emozione).

Sono tardarielli ma non scurdarielli. "I Casalesi arrivano tardi, ma non dimenticano mai". Lo spiegò ai magistrati l’unico vero pentito della camorra casertana, ricostruendo come i boss avessero atteso 11 anni prima di eseguire la sentenza contro un loro nemico. Hanno fatto calmare le acque, ridotto al minimo l’attenzione sulla vittima e solo a quel punto sono partiti i killer. Clemenza o perdono non gli appartengono: i signori della nuova mafia hanno dimostrato con il piombo e con il sangue che la loro parola è peggio di una fatwa. Perché loro sanno ricordare.

Oggi le dichiarazioni raccolte nelle carceri e l’attività informativa nel triangolo dei boss, tra Casapesenna, Casal di Principe e San Cipriano d’Aversa, il feudo dei Casalesi, sono concordi: anche contro Roberto Saviano è stato emesso il verdetto. I padrini hanno lasciato in bianco solo la data dell’esecuzione: "Basta aspettare, verrà il momento giusto. E allora si chiuderanno i conti". L’autore di ’Gomorra’ non si sente un condannato a morte. Quando gli poni la domanda, il volto si illumina con un sorriso ingenuo che tradisce i suoi 28 anni. Perché non accetta nemmeno l’idea di essere costretto all’esilio: "Napoli mi manca tantissimo. Come per tutte le cose che si perdono aumenta il carico di nostalgia. La mia esperienza viene da lì". Oggi può tornare a Napoli quando vuole, circondato però da carabinieri e auto corazzate. E ogni movimento deve essere concordato con la scorta. Il che lo spinge a stare chiuso in casa, a leggere e scrivere. Ma senza radici, senza succhiare linfa alla vita reale, tutto diventa un isolamento sterile. Un incubo che fa passare in secondo piano ogni altra preoccupazione.

"Paura non ne ho. Fin quando c’è la parola, la possibilità di trasmettere le proprie idee, quella è la vera difesa. Certo, con il mio lavoro ho esposto anche i miei familiari. L’unico motivo per cui ho maledetto il mio libro è per le pressioni che hanno subito i miei cari e di cui non mi perdonerò".

L’articolo (in tre pagine) continua qui, qui e qui.








pubblicato da t.scarpa nella rubrica democrazia il 18 agosto 2007