Chiesa e pedofilia

AA.VV.



"Perché dire di no a varie forme di convivenza stabile giuridicamente, di diritto pubblico, riconosciute e quindi creare figure alternative alla famiglia? Perché dire di no? Perché dire di no all’incesto come in Inghilterra dove un fratello e sorella hanno figli, vivono insieme e si vogliono bene? Perché dire di no al partito dei pedofili in Olanda se ci sono due libertà che si incontrano? Perché poi bisogna avere in mente queste aberrazioni secondo il senso comune e che sono già presenti almeno come germogli iniziali." Monsignor Bagnasco, presidente della Conferenza Episcopale Italiana, 31 marzo 2007.

*

Al di là delle polemiche, è doveroso ricordare che la Chiesa ha già affrontato diverse volte il problema della pedofilia. Qui di seguito alcuni link.

Il database (oltre 2900 nomi, capi d’accusa, sentenze, rassegne stampa, fotografie, vittime) dei casi di preti pedofili negli Stati Uniti.

Un articolo della CBS (2003) in cui si denuncia l’esistenza di un documento riservato del Vaticano per il cover up dei casi di abusi sessuali da parte dei sacerdoti. Il documento risale al 1962 è si può leggere qui nell’originale latino e qui intraduzione inglese (entrambi i files sono in formato PDF).

La notizia della domanda di bancarotta presentata un mese fa dalla diocesi di San Diego (California) a seguito dei risarcimenti che è costretta a pagare alle vittime degli abusi sessuali.

L"Observer" (nel 2005) parla di una lettera confidenziale sulla necessità di occultare gli abusi sessuali sui minori commessi da sacerdoti, che sarebbe stata inviata nel 2001 dall’allora cardinale Ratzinger ai vescovi: qui l’articolo originale, qui la traduzione in italiano.

Qui la pagina web della BBC sul documentario-inchiesta "Sex crimes and the Vatican", trasmesso sulla rete televisiva britannica il 1° ottobre 2006.
Qui una rassegna stampa delle reazioni vaticane al documentario.
Qui la trascrizione del documentario.








pubblicato da s.baratto nella rubrica giornalismo e verità il 1 aprile 2007